Rieti, gli appuntamenti del weekend in città e in tutto il Reatino

Sandra Collodel
5 Minuti di Lettura
Sabato 25 Maggio 2024, 00:10

RIETI - Gli appuntamenti del fine settimana in tutto il Reatino.

Sandra Collodel e Claudio De Pasqualis interpretano “Piccoli crimini coniugali”, lettura scenica dal romanzo di Eric-Emmanuel Schmitt. L’appuntamento è oggi alle 21, a Poggio Mirteto, nella sala Elpidio Benedetti. Lo spettacolo è inserito nella programmazione di “Sentieri in Cammino”, rassegna di teatro e musica diretta da Massimo Wertmüller e sostenuta dalla Regione Lazio e dalla Fondazione Varrone. “Piccoli crimini coniugali” è un thriller psicologico. Protagonisti Guido e Lisa, una coppia collaudata che si ritrova improvvisamente a dover ridisegnare la propria vita coniugale a causa di un’imprevista perdita di memoria di lui. Guido, vittima di un misterioso incidente, è tornato a casa senza ricordare più nulla della sua vita passata. Sua moglie Lisa lo aiuta a ricostruire quanto dimenticato. Ma, se all’inizio il passato sembra ricomporsi gradualmente senza troppe difficoltà, attraverso un dialogo serratissimo e continui colpi di scena, si fanno poi strada verità più scomode. Emerge tutta la violenza implicita nei rapporti di coppia e lo spettatore si trova ad accompagnare i due in una vera e propria discesa agli inferi, per scoprire fino a che punto ci si possa spingere per mantenere viva una relazione. “Sentieri in Cammino” vuole valorizzare e far conoscere a un pubblico sempre più ampio il patrimonio culturale della provincia di Rieti. Il costo del biglietto è, per l’occasione, ridotto a 5 euro. Prenotazioni all’e-mail postmaster@sentieriincammino.com. Il progetto “Sentieri in Cammino” proseguirà fino al 28 settembre, con iniziative di teatro e musica, nell’ordine, a Scandriglia, Monteleone Sabino, Casaprota, Pozzaglia Sabina, Cantalice, Montenero Sabino, Poggio Moiano e Antrodoco.

Sempre oggi, a Toffia, presso il Complesso San Bernardino, in piazza Lauretana, 33Officina creativa presenta l’ultimo appuntamento della rassegna teatrale “33 Spring festival” 2024, con lo spettacolo “Mi chiamavano Franco”, di e con Chiara Canitano (sipario alle 20.30). Un monologo leggermente autobiografico, dove l’attrice si racconta in maniera ironica. Lo spettacolo sarà seguito da una degustazione (gratuita) di prodotti tipici. Ingresso 12 euro, più 2 euro tessera associazione. Info e prenotazioni: 33oc.teatro@gmail.com o Sms e whatsapp al 347/9293552.

Domenica riparte il teatro a Montopoli di Sabina: appuntamento al teatro San Michele Arcangelo alle 19.30 (ingresso gratuito), con lo spettacolo “Dai Beatles a Battisti”, con l’attrice Danila Stalteri e il chitarrista Fabio Falaguasta. Si daranno anche anticipazioni sulla nuova stagione teatrale e il laboratorio teatrale per adulti che partirà a settembre. In programma, poi, l’omaggio a Monica Vitti, con alcuni estratti dello spettacolo con Ilaria Agostini e Os Delicados.

A Rocca Sinibalda, al museo Miniucchi, domenica alle 18, il duo Paolini-Vitelli, presenta il concerto “Impressioni francesi”. Laura Paolini al violino e Antonella Vitelli al pianoforte eseguiranno arie di Debussy, Boulanger e Ravel. La rassegna chiuderà il 1° giugno alle 18 col “Mesmerizing concert” del duo Valentina Gentile (pianoforte) e Matteo Di Giuliani ai sassofoni, con brani di Fichin, Iorio e Piazzolla.

L’ingresso è gratuito. Info: 351/5354593.

“U Parabbisu”(L’apparenza), oggi alle 21, al teatro Vicolo primo di Poggio Moiano. La commedia a cura di Carlo Gentile, anche regista (aiuto regia Alba Sciarpelletti) è liberamente adattata da “Il berretto a sonagli” di Pirandello. Sul palco la Compagnia del teatro stabile Vicolo primo di Poggio Moiano, con Mariella Angeloni, Gloria Sciarpelletti, Barbara Pietrangelo, Carlo Gentile, Elvio Ioannilli, Gianni Ioannilli, Mariangela Ottaviani, Giovanna Cicolani. Info al 349/5841389.

A Poggio Mirteto, oggi dalle 16 alle 20, nella sala Stefonio, “La ludica adunanza”, giochi da tavolo. Dalle 20 alle 22 gioco libero.

Fiera di Farfa, oggi e domenica, dedicata ai prodotti locali intrattenimento e storia, dalle 10 alle 22.

Fino al primo giugno, a Greccio, il “Green code #sacro 2024”, un progetto, ma anche un viaggio, supportato da Regione Lazio, Ue e Comune di Greccio, che unisce con un ponte immaginario, l’idea di natura: secondo la visione francescana, idealizzata come “libro di Dio” e secondo quella laica, immaginata come “luogo benefico”, con l’organizzazione del teatro Rigodon. Il programma per il fine settimana prevede, oggie domenica, a Greccio, in largo Betlemme, presso sala Velita, alle 17, “Gloriosus Franciscus” (domenica “Quadrangulae”), concerto a cura di Anonima Frottolisti e, alle 18, “Le Plasticomiche - la città verde”, spettacolo teatrale, di teatro Immagini, teatro ex Quorum, La transplanisphere.

Fino a domenica, in biblioteca a Poggio Mirteto, la IV edizione di “Sabina Libri 2024”, la fiera dell’editoria locale, organizzata dall’associazione Amici del Museo. Il tema scelto quest’anno è “Il territorio sabino: nuove economie e tipicità tra ambiente e cultura”. Case editrici, autori, presentazioni. Questa mattina, “L’economia della cultura: un’occasione per la Sabina”, introduce Giovanna Altieri. Sarà poi la volta di Roberto Lorenzetti, Marco Causi, del sindaco di Pesaro Matteo Ricci, lo scenografo Vittorio Bonapace. Nel pomeriggio, Vincenza Bufacchi, direttrice Cna Rieti, con la presentazione di imprese creative e culturali delle aree interne. Domenica mattina, presentazione dei libri “L’inquisizione in Sabina” di Orietta Guidi, poi “Sghenghella o il generalissimo delle masse sabine” di Pierino Petrucci, “Zizzanìa” di Marco Boccia, “Il segreto di Velia” di Paolo Ruzzi, a seguire il banchetto etrusco. Il programma del pomeriggio è dedicato al ricordo di Tersilio Leggio con la presentazione dei libri “Le tombe di Passo Corese” di Alessandro Betori, "Ville romane nella Sabina tiberina. Il territorio di Forum Novum" a cura di Francesca Colosi e Carla Sfameni, “Pietro Coleberti e il ciclo pittorico di Santa Caterina a Roccantica", a cura di Giuseppe Cassio. Nello Spazio collettivo i libri degli autori in esposizione e firma copie. Inoltre la mostra fotografica “Ve’ a Poggiu che ce trovi tuttu!”. Aperture straordinarie del museo di arti e mestieri e il mercatino di prodotti tipici, domenica, negli spazi esterni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA