Rieti, gli appuntamenti del weekend in città e in tutto il Reatino

Fiera del disco
7 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 00:42

RIETI - Gli appuntamenti del fine settimana in tutto il Reatino.

“Lucio incontra Lucio” a Magliano Sabina: la vita, la storia e le canzoni di Lucio Dalla e Lucio Battisti, con Sebastiano Somma. Si tratta di una performance di teatro-canzone scritta da Liberato Santarpino, in scena domenica 27 marzo alle 18.30 al teatro Manlio, nella stagione teatrale 2022. Sebastiano Somma è il protagonista di “Lucio incontra Lucio”, vale a dire Lucio Battisti e Lucio Dalla: il primo è considerato una delle massime personalità nella storia della musica leggera italiana. La sua produzione ha impresso una svolta decisiva alla musica pop/rock da un punto di vista strettamente musicale. Battisti ha personalizzato e innovato la forma della canzone tradizionale e melodica. Lucio Dalla, nato nello stesso anno e nello stesso mese, con un giorno di differenza dal primo, ha una formazione jazz e, anch’egli, è stato uno dei più importanti, influenti e innovativi cantautori italiani. Alla ricerca costante di nuovi stimoli e orizzonti, si è addentrato con curiosità ed eclettismo nei più diversi generi musicali, collaborando e duettando con molti artisti di fama nazionale e internazionale. Autore inizialmente solo delle musiche, si è scoperto in una fase matura, anche paroliere e autore dei suoi testi. La sua copiosa produzione artistica ha attraversato numerose fasi: dalla stagione beat alla sperimentazione ritmica e musicale, fino alla canzone d’autore, arrivando a varcare i confini dell’opera e della musica lirica. Entrambi hanno introdotto elementi di assoluta innovazione nella canzone italiana. Sicuramente non sono mai stati l’uno contro l’altro, anzi, certamente si sono apprezzati sia umanamente che artisticamente. Così diversi, ma uniti dall’esigenza della sperimentazione di nuove strutture musicali. Erano gli inizi degli anni ‘80, quando Dalla parlò a Battisti di un suo grande progetto da fare insieme: una grande tournée e poi un disco da incidere. Battisti rifiutò l’invito, perché ormai immerso in una nuova sperimentazione musicale con la decisione di sparire dalle scene. “Lucio incontra Lucio” prova a figurare quell’incontro artistico mai avvenuto, anche se solo immaginario, raccontando attraverso le loro canzoni - eseguite dalle voci di Alfina Scorza, Elsa Baldini, Paola Forleo, Francesco Curcio e Marco De Gennaro al pianoforte, Gianmarco Santarpino al sax, Aldo Vigorito al contrabbasso, Giuseppe La Pusata alla batteria e Lorenzo Guastaferro al vibrafono - uno spaccato musicale che parte dagli anni ‘60 per arrivare ai nostri giorni. La recitazione è affidata a Somma che, con i musicisti dal vivo e i cantanti, interpreta entrambi i cantautori, sottolineando affinità e differenze. Biglietto 12 euro, con la biglietteria che aprirà un’ora prima dello spettacolo. Info al 392/5415913. La rassegna, giunta orma al termine, è nata dalla collaborazione tra il Comune di Magliano Sabina, Atcl e La Mirabilis Teatro societas.

Una prima nazionale, quella con Paolo Triestino, domenica a Montopoli di Sabina (teatro San Michele Arcangelo alle 18), che porta in scena “Il racconto dell’Isola sconosciuta” di José Saramago. Il reading è di Triestino, che racconta un’incantevole favola d’amore, sospesa tra sogno e realtà. Le musiche sono composte ed eseguite dal vivo dalla pianista Natalia Paviolo. È la storia di un uomo che ottiene dal re una caravella per partire alla ricerca di un’isola sconosciuta. Alla ricerca si unisce la donna delle pulizie del palazzo del re: una metafora della vita. Molte delle riflessioni fatte da Saramago portano direttamente alla similitudine uomo/isola. Non si può vedere l’isola se non ci si distanzia da essa, così come non è possibile comprendere se stessi se non si prendono le distanze dalle proprie certezze. Così l’uomo a caccia dell’isola sconosciuta altro non vuole fare che arrivare alla conoscenza profonda del suo animo. Ma dove si trova quest’isola sconosciuta? Quanto lontano bisogna spingersi per trovarla? La risposta arriva dopo appena una notte e non sarà necessario nemmeno lasciare il porto. Non ha dovuto navigare per accorgersene, perché il suo posto lo trova nello sguardo di una donna, la donna delle pulizie che viveva nel palazzo del re e che decide di seguire lo sconosciuto cacciatore d’isole, prendendo in mano la sua vita, abbandonando la strada vecchia per la nuova. Il coraggio delle idee (dell’uomo e dell’isola sconosciuta che può esistere), il coraggio delle scelte (della donna che, lasciato il castello del re, non torna indietro), la ricerca della felicità a discapito del mondo noto. E, nelle ultime righe del libro, quando l’uomo si sveglia da un sogno confuso per ritrovarsi tra le braccia della sua donna, la scoperta di aver trovato il suo posto e la sua personalissima isola di felicità. Poltronissime 20 euro, poltrone 18 euro, gruppi (almeno 15 persone) 15 euro. Info: 389/6793095 o 339/5318478.

L’Associazione Krisalidea propone il laboratorio di immaginazione guidata. Il via lunedì 28 marzo alle 20, presso Le tre porte, in via della Verdura 21/25, a Rieti. Il corso sarà condotto da Francesca Bruschi (info e prenotazione obbligatoria al 347/9755826 o francescabruschi86@gmail.com), educatrice e musicoterapista, ed è rivolto ad adolescenti e adulti. Il laboratorio è strutturato in sei incontri totali, della durata di un’ora e mezza.

Dopo l’ouverture, la scorsa settimana, affidata al Phoinikes Sax Quartet, che ha aperto la seconda edizione del “Festival Arte ai piedi della Montagna”, si passa al secondo appuntamento, in programma oggi alle 18 al teatro Flavio Vespasiano di Rieti. Protagonista il giovanissimo trombettista Alessandro Rosi, che nella precedente edizione del Reate Festival ha fatto parte dell’Ensemble Novecento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Rosi, accompagnato dal pianista Nicola Possenti, suonerà un programma incentrato su musiche di Jean Francaix in alternanza con altri compositori tra Ottocento e Novecento. Il concerto, così come tutti quelli della rassegna, è a ingresso libero. Dopo il concerto di oggi, si passerà poi a quello del 13 aprile alle 21, in cui la voce di Elio, musicista eclettico e fuori dalle convenzioni, sarà protagonista di un suggestivo recital “Largo al factotum”, in compagnia del pianista Roberto Prosseda: un viaggio originale, divertente e raffinato nella storia della musica classica, da Rossini a Mozart e Weill, alle canzoni moderne del compositore contemporaneo Luca Lombardi, che vedranno Elio interpretare Don Giovanni e il Barbiere di Siviglia. La rassegna si chiude il 30 aprile con Chiara Focaroli accompagnata da un ensemble strumentale, che interpreteranno una carrellata di successi che da Sergio Endrigo a “Stayn’ alive” da “La febbre del sabato sera” percorrerà un repertorio di grande popolarità.

È una vera novità per Rieti la “1^ Fiera del disco”, in programma oggi e domenica presso il centro commerciale Perseo di Rieti dalle 9 alle 20 (ingresso gratuito) organizzata da Ernyaldisko e Music Day Roma, in cui acquistare, vendere, scambiare cd e vinile nuovo, usato e da collezione. Un appuntamento imperdibile per appassionati di collezionismo, vinile e buona musica in genere, che prevede eventi interessanti per riscoprire la magia del vinile a 33 e 45 giri, dei mix, dvd e dei più diversi gadget, oltre a preziosi memorabilia musicali. Ci saranno oltre 50 espositori da tutta Italia specializzati in ogni genere: metal, punk, psichedelia, folk, funk, rock, soul, disco, house, progressive, hip-hop, jazz, classica, cantautorato italiano e altro ancora, per curiosare tra stampe musicali, poster, custodie dedicate, gadget originali e preziosi e oggetti autografati, acquistare e vendere dischi, anche quelli rari e preziosi, grazie a supporto e professionalità degli espositori. Nella “Fiera del Disco” sono previsti area “food & drink” e ampio parcheggio gratuito. Qui potreste trovare l’album dei Rolling Stones con la cerniera lampo, quello dei Velvet Underground con la banana che si sbuccia, il “Black album” di Prince, o quello dei Beatles con la rarissima “copertina da macellaio”. Ma anche l’introvabile “Ingresso libero” di Rino Gaetano, Adriano Celentano con Eraldo Volontè, o “Ma cosa vuoi che sia” di Vasco Rossi. E se amate disco o house “Choose your weapon” di Scaramanga Silk e “The bass project” di DJ H. E ancora il capolavoro del minimalismo “Dream house 78’17” di Lamonte Young, la “Yardbird suite” di Duke Ellington su etichetta Dial. Così come quel 45 giri di Little Tony, Lucio Battisti o dei Corvi, o un 33 di Procol Harum, Gaznevada, Pantera cui eravate affezionati che si è rotto, avete perso in un trasloco o prestato senza che fosse mai restituito. Ce n’è per tutti i gusti, dai più sofisticati al pubblico normale. Ernyaldisko nasce nel 2005 a Genova e diventa presto un punto di riferimento fondamentale per appassionati di musica a Genova e non. Un progetto culturale promosso dai fondatori, Marco e Carmen, legati da passione per musica e vinile. Ernyaldisko negli anni cresce, si espande e oggi, oltre al “Records Shop” a Genova, ai temporary shops sparsi per l’Italia e allo shopping online, è attivo anche il Progetto culturale delle Fiere in tutta l’Italia. Invece Music Day Roma organizza dal 2012, nel Lazio, la Fiera del Disco di Roma, e poi di Faenza (in concomitanza col “Mei”), Ferrara, Gabicce, Roma all’interno di Festival estivi. E in collaborazione con Ernyaldisko organizza a Perugia e, oggi, per la prima volta, a Rieti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA