Rieti, si è alzato il sipario sulla VII edizione del Labro Festival: «La qualità di sempre nella massima sicurezza»

Venerdì 17 Luglio 2020 di Matteo Di Mario
RIETI - Ufficializzata ieri pomeriggio la VII edizione del Labro Festival, in programma nell'incantevole borgo reatino dal 13 al 22 agosto. Nonostante le difficoltà dovute all'emergenza Covid-19, anche quest'anno tornano quindi la musica, la cultura, la prosa e la danza in una manifestazione che, diretta ed ideata dall'instancabile Piero Fasciolo, si conferma densa di iniziative per tutti i gusti.

Tutti gli appuntamenti serali si svolgeranno alle 21 in Piazza Nobili Vitelleschi, mentre gli eventi pomeridiani si terranno alle 18 presso il Torrione del paese. Si parte nel pomeriggio di giovedì 13 con la presentazione del libro "Private. Venti giornaliste nel tempo sospeso", edito da Funambolo, a seguire serata dedicata al Gran Gala di Danza con "I solisti dell'Opera", che proporranno variazioni da: Il Lago dei Cigni, Lo Schiaccianoci, La Bella Addormentata, Carmen e Bolero. Venerdì 14, alle 21, Gran Gala Lirico, Operetta e Canzoni Napoletane, con la presenza di artisti di livello internazionale e dei vincitori di importanti concorsi. Superato il Ferragosto, la serata di domenica 16 sarà dedicata a "Semplicemente Lucio", spettacolo musicale in memoria di Lucio Dalla e Lucio Battisti con Rosalia Misseri e Giandomenico Anellino.

Due giorni di stop e si riparte mercoledì 19 alle ore 21, quando la Band D'AltroCanto sarà protagonista di un concerto Jazz & Soul. Giovedì 20, alle 18, la professoressa Rita Pasquetti presenterà il libro "La Voce della Cicala" (casa editrice: Amarganta), che verrà introdotto dall'Assessore alla Cultura del Comune di Rieti, Gianfranco Formichetti. Alle 21, spazio alla musica di Raffaello Simeoni.

Infine, chiusura in grande stile: venerdì 21 serata con il Barbiere di Siviglia di Rossini proposto sotto forma di concerto dall'Orchestra Nova Amadeus di Roma, mentre sabato 22 il Teatro Potlach porterà in scena "Dialoghi con Trilussa", spettacolo in dialetto romanesco con Daniela Regnoli e la regia di Pino Di Buduo.

L'ingresso agli eventi serali avrà un costo di 10 euro, mentre sarà gratuito nel caso delle due iniziative pomeridiane del 13 e 20 agosto. Ogni appuntamento si svolgerà nel rispetto delle norme di distanziamento sociale dovute all'emergenza Coronavirus. I biglietti delle serate saranno acquistabili in loco nelle due ore precedenti l'inizio delle rappresentazioni.

«Con tanta fatica ma sempre con la stessa passione per la cultura, anche quest'anno il Labro Festival è pronto a proporre il suo ampio cartellone di eventi - dichiara Piero Fasciolo - Nonostante l'emergenza Covid, ci prepariamo ad offrire al pubblico spettacoli di qualità nel pieno rispetto delle norme di sicurezza. Un ringraziamento particolare va al Comune di Labro, in primis al sindaco Irene Urbani, alla Fondazione Varrone, al Consiglio Regionale del Lazio, in particolare al consigliere Fabio Refrigeri, e al Comune di Rieti con i suoi assessorati alla Cultura e al Turismo guidati rispettivamente da Gianfranco Formichetti e Daniele Sinibaldi. Grazie di cuore anche al Rotary Club di Rieti e ai Gruppi Aido di Rieti e Labro. Sarà una settima edizione tutta da vivere».

Lo staff

Ideatore e direttore artistico: Piero Fasciolo

Testimonial: Enrico Stinchelli

Coordinamento generale: Simone Lolli

Coordinamento organizzativo: Teatro Alchemico

Coordinamento sezione lirica: Michael Alfonsi

Comunicazione: Maurizio Rossi

Pubbliche relazioni: Renzo Fedri

Service: Andrea Carmesini

Fotografo ufficiale: Massimo Renzi Ultimo aggiornamento: 11:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA