Kienergia ok. Cattani: «Più forti della sfortuna». Rossi: «Grande approccio». Foto. Ma ancora ko Amici e Tommasini

Domenica 28 Febbraio 2021 di Emanuele Laurenzi
La gioia a fine gara (foto Meloccaro)

RIETI - «Siamo stati più forti della sfortuna». Giuseppe Cattani loda i suoi ragazzi per il ritorno alla vittoria dopo due sconfitte consecutive. La Kienergia Rieti ha letteralmente schiantato la Lux Chieti e il presidente si gode finalmente una domenica tranquilla, anche se dovrà fare i conti con un doppio infortunio.

 

Alessandro Amici ha dato forfait dopo aver subito un infortunio al polpaccio destro (prima si era infortunato a quello sinistro) finendo in tribuna. Assente anche dal palasport Claudio Tommasini che domani dovrà fare delle visite di accertamento ma che, con molta probabilità, dovrà subire un’operazione al ginocchio che lo potrebbe tenere fermo a lungo.

«Abbiamo vinto una bella partita – conferma il presidente Cattani – e l’approccio del primo quarto è quello che ognuno di noi si aspetterebbe in ogni partita. Nel terzo quarto ci siamo un po’  rilassati in difesa, però complessivamente è stata una buona partita. Era importantissimo per noi vincere. Un bravo ai ragazzi, a partire dagli ultimi arrivati che non mi sono dispiaciuti. Grazie davvero a tutti perché dobbiamo uscire da questo momento e ne dobbiamo uscire tutti insieme. Purtroppo abbiamo saputo all’ultimo momento che Amici non avrebbe giocato e lo stesso discorso vale per Tommasini che, probabilmente si dovrà operare. Ora continuiamo a sondare il mercato per un ultimo innesto».

Cattani non si sbilancia su nomi o situazioni, ma l’ipotesi più probabile è quella dei ritorno dell’ex Bobby Jones in uscita da Verona. Sulle questioni di mercato non entra affatto coach Alessandro Rossi, che si dedica alla vittoria di stasera: «Gli avversari che avevamo di fronte erano tosti e duri e lo sapevamo. Chieti è una squadra che gioca per 40’ e gli va dato merito di questo, perché per qualche minuto loro sono anche riusciti a riaprirla e ci siamo spaventati. Certo, stasera avere più rotazioni ci ha dato energia stabile sul campo, così da impostare la partita come ci piace fare. Una cosa molto difficile da fare con rotazioni ridotte all’osso. Questa gara è risultato delle ultime due settimane di allenamenti molto buoni e un plauso lo devo fare a tutti i ragazzi».

Ciò che più è piaciuto è stato l’impatto con la gara, con una Npc concentrata e decisa fin dal primo minuto che, come ha detto Rossi, ha potuto contare su due rotazioni in più grazie a Sabatino e Piccoli. «Noi siamo stati bravi ad aggredire la gara da subito - ha concluso il coach - con presenza fisica e mentale. Per questo voglio dire bravi ai ragazzi. Quanto ai nuovi innesti, posso dire che Piccoli è arrivato da poche ore e non giocava da tanto, quindi ci vorrà un po’ di tempo per vederlo al meglio. Sicuramente ci darà apporto importante in difesa ed in termini di esperienza. Su Sabatino ci tengo a dire che è molto giovane e non ci dobbiamo aspettare la luna. Ha fatto una buona partita, ora dobbiamo avere pazienza e guidarlo. Ha energia e voglia, ma non gli mettiamo pressione addosso. Vediamo passo dopo passo».

Mercoledì la Npc sarà di nuovo in campo per sfidare Forlì a domicilio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA