Kienergia vittoriosa, Cattani e Rossi: «Andiamo a Cento a giocarci le possibilità di playoff. Ci crediamo». Foto

Mercoledì 14 Aprile 2021 di Emanuele Laurenzi
La gioia a fine gara (foto Meloccaro)

RIETI - Il primo passo verso il miracolo. E' quello compiuto stasera dalla Kienergia che strapazza Ferrara e si lancia verso la sfida di Cento che può valere i playoff. «Ci crediamo e ce la giocheremo fino alla fine» dicono praticamente in coro Giuseppe Cattani e Alessandro Rossi.

 

Il presidente gongola di fronte alla prova straripante dei suoi: «Mi godo la squadra al completo - spiega Cattani - stasera abbiamo dimostrato che se abbiamo tutti siamo ben altra cosa di quelli visti nelle altre partite. Abbiamo dimostrato anche che ci siamo e ci crediamo fino alla fino: domenica andiamo a Cento dove proveremo a vincere per proseguire la nostra corsa verso i playoff. Proveremo a fare il miracolo, anche se purtroppo non dipende solo da noi».

Per poter entrare nel girone che consente di giocarsi i playoff, infatti, Rieti deve vincere e sperare nella sconfitta di Pistoia a Latina. Le due partite, tra l'altro, non si giocheranno in contemporanea per una contestabile scelta che ha portato a prevedere l'anticipo della gara della Npc alle 17, mentre quella in terra pontina sarà giocata alle 18. «Pensiamo a noi - conclude Cattani - perché stasera abbiamo fatto fatto una grande gara. Tenere una squadra forte come Ferrara a 67 punti non etra certo facile. Un plauso lo faccio a tutti, ma una nota di merito la voglia riservare a Piccoli per la strepitosa difesa fatta su Hasbrouck».

Grande gioia anche per il coach Alessandro Rossi, che ha confermato quanto detto anche nei giorni scorsi: «Volevamo essere in ballo fino alla fine e, con questa vittoria, ci siamo riusciti. Ora andiamo a Cento a giocarci qualcosa di importante. Voglio fare i complimenti a tutti i ragazzi per la prestazione solida e per la crescita difensiva nel secondo tempo. Non siamo ancora al top fisicamente, Pepper è rientrato stasera, mentre Stefanelli e De Laurentiis erano alla loro seconda gara dopo il lungo stop. Credo che a tutti vada un plauso prima di tutto da un punto di vista umano per l'attaccamento alla squadra. Voglio fare i complimenti anche a Ferrara, che per me resta una grande squadra e forse stasera ha pagato le 7 partite giocate in pochi giorni».

Scambio di complimenti tra coach, con il tecnico di Ferrara Spiro Leka che ha commentato: «Siamo stati pochi luci nel secondo tempo, forse perché eravamo un po' stanchi per le tante partite giocate. Questo non vuole essere un alibi, anche perché abbiamo perso 18 palle e con un dato del genere è difficile avere fluidità. Abbiamo pagato anche le percentuali basse delle guardie e poi, sul 53 pari, abbiamo avuto un minuto e mezzo di follia che ci è costato carissimo». Carico nel dopo gara anche il Antonino Sabatino, che punta tutto su domenica: «Abbiamo dato il massimo, abbiamo buttato il cuore oltre l'ostacolo e abbiamo superato un avversario molto forte. Ora andiamo a Cento a giocarci tutte le nostre possibilità di andare ai playoff».

© RIPRODUZIONE RISERVATA