Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Kienergia bene, Cattani e Ceccarelli: «Sempre fiduciosi». Il patron preoccupato dal PalaSojourner

La gioia della Kienergia (foto Meloccaro)
di Emanuele Laurenzi
3 Minuti di Lettura
Domenica 31 Ottobre 2021, 22:02

RIETI - «Eravamo fiduciosi che l'avremmo portata a casa». La stessa frase la dicono in due dopo la sirena, seppur con qualche sfumatura di differenza. Il 49-64 che resta stampato al PalaCattani di Faenza sancisce la quarta vittoria della Kienergia Rieti che, prima di esultare, s'era regalata il solito brivido andando in bambola e incassando un parziale di 12-1 che ha mandato le squadre al riposo lungo sul 31-26. Stavolta però è successo prima dell'intervallo e, a giochi fatti, quel «eravamo fiduciosi» lo dicono sia l'allenatore Gabriele Ceccarelli, sia il patron Giuseppe Cattani.

«Nella seconda parte del secondo quarto - spiega Ceccarelli - avevamo il controllo della gara, ma ci siamo incaponiti su alcune cose in attacco. Non ci riuscivano e abbiamo perso il filo. Ero fiducioso nell'intervallo perché sapevo che avevamo il controllo della difesa e, al rientro, abbiamo ripreso bene la gara. Abbiamo fatto la partita per 35', bloccandoci solo in quella fase».

Quella di Faenza è stata una prova ottima del collettivo, col coach che sottolinea i progressi dei suoi ragazzi. «Abbiamo visto un grande lavoro di Del Testa in difesa - aggiunge Ceccarelli - e hanno fatto una grande prova i 2 ex Testa e Tiberti, che è partito molto bene. Papa è cresciuto nell'arco della gara e Antelli ci ha dato il la per la vittoria giocando alla grande soprattutto nel terzo e quarto periodo. Voglio sottolineare anche l'importanza del rientro di Franco, per il quale voglio ringraziare tutto lo staff medico che ha fatto un super lavoro anticipando i tempi del rientro. E' stata una settimana difficile, dopo Teramo avevamo diversi acciacchi e il team ha lavorato alla grande consentendo ai ragazzi di arrivare al top alla partita. Grazie davvero a tutti».

La Kienergia resta nel gruppo di testa e, forse, adesso pesa un po' quella sconfitta di Imola. «Non ci pensiamo più - conclude Ceccarelli - perché è passata. Ci siamo rifatti con questa vittoria qui a Faenza che vale tantissimo. Ora pensiamo alla prossima sfida contro Cesena».

Grande soddisfazione anche per il presidente Cattani, arrivato a Faenza per sostenere i suoi ragazzi. «Abbiamo buttato una parte del secondo quarto - dice - ma poi siamo risaliti alla grande. Abbiamo fatto una grande difesa, concedendo solo 18 punti nella ripresa. Nell'intervallo eravamo fiduciosi di poter recuperare e vincere, ci siamo riusciti perché i ragzzi in campo hanno "mozzicato". Ora avremo due gare difficili, contro Cesena e contro Roseto: pensiamo una partita alla volta e vedremo quel che riusciremo a ottenere».

Il patron non nasconde la sua preoccupazione per la questione PalaSojourner. «Spero in una soluzione rapida - conclude Cattani - ma non nascondo che dovremo anche valutare un'ipotesi alternativa. Abbiamo bisogno di una sata certa per la riapertura. Posso dire una cosa con certezza: più tardi avverrà e meno gente ci sarà a seguire il basket, indipendentemente dai risultati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA