Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rieti, estate di incendi ma fino ad ora niente emergenza

L'incendio di giugno nel Reatino
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Luglio 2022, 00:10

RIETI - Il Reatino, nonostante due estesi incendi che hanno interessato ieri i territori dei Comuni di Cottanello e di Cittareale, sembra riuscito a difendersi abbastanza bene dalle fiamme, finora, rispetto ad altre realtà del Lazio molto più critiche le aree della Tuscia o di Roma, ma anche a di Frosinone e Latina. Nonostante l’eccezionale ondata di siccità e calore, si sono fortunatamente al momento registrati episodi in qualche modo circoscritti e limitati, che hanno impegnato vigili del fuoco, Protezione civile e carabinieri forestali. Roghi che comunque sono stati sempre circoscritti e contenuti.

Lo scenario. Al momento, tra le principali criticità registrate, l’ampio incendio che ha interessato un campo di orzo all’interno della Riserva naturale regionale dei laghi Lungo e Ripasottile e il vasto fronte dell’incendio di sterpaglie attecchito a Piani di Poggio Fidoni e che, essendo giunto in prossimità della strada, ha causato problemi per la viabilità rendendo anche necessario il temporaneo arresto del transito dei treni per via della scarsa visibilità. Colpito anche un rifugio a Cantalice: un incendio probabilmente doloso, che ha visto morire un cane tra le fiamme, richiedendo un massiccio intervento per il suo spegnimento. Altri incendi si sono verificati nel Comune di Cittaducale, nella piccola frazione di Calcariola e in diverse località della Sabina, come quello lungo la Salaria che ha minacciato un frantoio o quello a Fara Sabina, giunto in prossimità di alcune abitazioni. Fiamme che, grazie al tempestivo intervento di Protezione civile e vigili del fuoco, sono state sempre contenute, evitando il pericoloso propagarsi delle fiamme. Il calore e la siccità rimangono un mix letale per gli incendi, soprattutto nelle ore pomeridiane, quando spesso si alza anche un leggero vento che facilita il diffondersi più rapido delle fiamme dando continuo vigore. Nella giornata di ieri, a preoccupare le squadre antincendio sono stati i due roghi divampati a Cittareale e nel Comune di Cottanello, dove le fiamme si sono rapidamente estese favorite dalla vegetazione completamente secca. Due fronti che hanno impegnato i soccorritori. Ieri pomeriggio, all’altezza dell’abitato di Cottanello, i carabinieri, per ragioni di sicurezza, hanno interrotto il transito dei veicoli, dirottati su viabilità alternativa. Più squadre e più mezzi antincendio hanno lavorato per evitare ulteriori conseguenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA