Rieti, bruciava sterpaglie
vicino a un distributore di Gpl:
denunciato dai carabinieri forestali

Giovedì 10 Gennaio 2019
Carabinieri forestali
RIETI - I carabinieri forestali della stazione di Montebuono sono intervenuti per un abbruciamento di residui vegetali in prossimità di un distributore Gpl. L’autore è stato deferito alla Procura della Repubblica di Rieti.

La sera del 7 gennaio le pattuglie della stazione dei carabinieri forestali di Montebuono e quella dei carabinieri di Torri in Sabina, allertate dalla Centrale Operativa dei Carabinieri, si sono portate nel Comune di Cantalupo in Sabina nei pressi della SS 313 al Km. 21,600, per verificare la presenza di un presunto incendio.
Sul posto stavano già operando i Vigili del Fuoco e a bruciare era verosimilmente un ammasso di residui vegetali, arbusti, canne, parti di piante, essenze erbacee. Da una prima stima il quantitativo di residui vegetali dato alle fiamme era particolarmente cospicuo ed ammontava a circa 700/750 metri steri (il metro stero è un unità di misura della massa legnosa considerati gli spazi vuoti), di cui più della metà erano quasi completamente combusti.

Inoltre la combustione dei residui vegetali stava avvenendo in prossimità di un distributore di GPL (a circa venticinque metri), creando una situazione di potenziale pericolo per la pubblica e privata incolumità.
Nei giorni successivi i militari della Specialità Forestale procedevano alle indagini del caso finalizzate a risalire all’autore dell’abbruciamento e grazie agli elementi raccolti individuavano un uomo originario della Sabina, ritenuto coinvolto nei fatti. Stante i risultati dell’attività investigativa svolta il soggetto attenzionato è stato deferito alla Procura della Repubblica di Rieti per i provvedimenti di competenza, ipotizzando una palese violazione alle norme che regolamentano lo smaltimento dei rifiuti (Decreto Legislativo n. 152/2006), ancorché di origine vegetale, a mezzo combustione ed in totale assenza di qualsivoglia forma di autorizzazione.
L’attività di prevenzione e repressione dei reati sia amministravi che penali, relativa alla combustione di rifiuti anche se vegetali, in questo primo periodo del 2019 resta uno degli obiettivi perseguiti dall’Arma dei Carabinieri a tutela dell’ambiente, della salute e della sicurezza del cittadino. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il dilemma d inizio primavera: corsa in villa o carbonara?

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma