Rieti corsaro esce a testa alta
dalla Coppa: Fermana ko 0-2.
Dedica speciale a mister Chéu

Domenica 2 Settembre 2018 di Umberto Leoncini
Nikolay Todorov autore del gol raddoppio amarantoceleste
RIETI - Un Rieti cinico e capace di far valere la propria forza fisica esce a testa alta dalla Coppa Italia di Serie C battendo fuori casa la Fermana 2 a 0. Entrambi i gol nella seconda frazione di gioco con Pepe al 75’ e Todorov all’85’ che finalizza una bella azione corale del centrocampo amarantoceleste. Dedica speciale a mister Chéu.

IL TABELLINO
Fermana: Ginestra, Guerra, Urbinati(70’ Iotti), Comotto, Soprano, Zerbo (45’ Marozzi), Cremona (51’ Cognigni), Clemente, Giandomenico, Maurizi (45’ Da Silva), Lupoli (77’ Kacorri). All. Destro.
Rieti: Costa, Soares, Pepe, Gigli, Papangelis; Gallifuoco, Diarra, Cericola, Todorov (86’ Tommasone), Vasiliou (86’ Di Domenicantonio). All. Barbosa.
Arbitro: Petrella di Viterbo.
Reti: 75’ Pepe, 85’ Todorov.
Note: ammoniti per il Rieti Todorov 43’; spettatori 200 circa (6 ospiti)

SECONDO TEMPO

45' 3 minuti di recupero. Entra Venancio al posto di Cericola

41' Doppio cambio per il Rieti: entrano Tommasone e Di Domenicantonio al posto di Todorov e Vasiliou.

40’ GOL RIETI. Il raddoppio del Rieti è di Todorov. Bella azione del secondo gol del Rieti con triangoli stretti a centrocampo tra Diarra, Gallifuoco e Cericola con quest’ultimo che riesce a filtrare un pallone che mette Todorov a tu per tu con Ginestra: il bulgaro con freddezza trafigge il numero uno della Fermana in uscita.

32' Per la Fermana entra Kacorri entra al posto di Lupoli.

30'  GOL RIETI. Pepe di testa. Calcio di punizione dalla trequarti con il pallone scaraventato nell’area di rigore dei padroni di casa, Gallifuoco appostato all’altezza del palo alla sinistra dell’estremo difensore marchigiano fa sponda per Pepe che da due passi della linea di porta deve solo spingere in rete

27' punizione da 30 metri per la Fermana, Da Silva con il destro prova direttamente ma il tiro è completamente fuori misura.

25’ quarto cambio per i padroni di casa entra Iotti ed esce Urbinati.

21’ Costa con i piedi anticipa Cognigni trovato bene in profondità da Comotto.

20’ tiro alto di Maisto da fuori area dopo un’azione insistita del solito Diarra.

15' Nel primo quarto del secondo tempo le squadre iniziano ad allungarsi permettendo ai centrocampisti di inserirsi conquistando spesso il fondo del campo ma la pioggia, che ha ricominciato a cadere dopo le precipitazioni della mattinata sul Recchioni di Fermo, che ha reso il terreno pesante e forse anche i carichi di lavoro di questo lungo avvio di stagione si fanno sentire nelle gambe dei giocatori che sbagliano sempre l’ultimo passaggio rendendo agevole il lavoro delle difese avversarie

6’ terzo cambio per la Fermana entra Cognigni ed esce Cremona.

4' Il tecnico amarantoceleste Barbosa nella seconda frazione non effettua cambi e manda in campo la stessa formazione dei primi 45 minuti. Al 4’ bella percussione di Diarra che conquista una punizione a 10 metri dal limite dell’area di rigore dei padroni di casa, come nel primo tempo il calcio di Maistro si infrange sulla barriera e la palla finisce in angolo.

1' Dopo un primo tempo parco di occasioni da rete con i due portieri praticamente inoperosi, il secondo tempo inizia con due cambiO per la Fermana che sostituisce Zerbo con Marozzi e Maurizi con Da Silva.


PRIMO TEMPO

46' Dopo un minuto di recupero termina un primo tempo avaro di emozioni con il risultato fermo sullo 0 a 0.

42' Nella fase finale del primo tempo il Rieti riesce conquistare metri e si porta stabilmente nella metà campo dei padroni di casa. Pur senza impensierire troppo la retroguardia gialloblù sulla fascia destra Soares e Cericola dialogano bene con il supporto di Diarra riuscendo spesso a conquistare il fondo e guadagnando due corner, pareggiando il conto dei calcio d’angolo.

37' Il gioco continua a stagnare all’altezza del centrocampo con le uniche apprensioni per le difese provocate da calci dalla tre quarti. Un break di Pepe che dà la palla a Cericola sulla destra: l'esterno d'attacco amarantoceleste rientra ma calcia debolmente nelle braccia di Ginestra.

33' Dopo un avvio di gara con qualche sfuriata da una parte e dall’altra, facilmente neutralizzate dalle difese, nella parte centrale della prima frazione le due squadre non riescono a costruire trame di gioco degne di nota anche a causa del terreno pesante a causa della pioggia caduta in mattinata. Siamo ancora fermi sullo 0-0.

10’ indecisione della coppia centrale amarantoceleste che costringe il portiere a uscire con i piedi nell’area piccola su Zerbo, la palla finisce fuori aera con Urbinati che al volo impegna nuovamente Costa che mette in angolo. Sugli sviluppi del corner Urbinati di testa alto.

6' tiro dalla distanza di Todorov che finisce sul fondo


IL PREPARTITA

Nella formazione amarantoceleste in campo al posto di Dabo c'è Soares

Al seguito del Fc Rieti a Fermo sono giunti anche una agguerrita delegazione di ultrà reatini che benché numericamente esigui, anche durante il riscaldamento si sono fatti sentire con cori di sostegno.

Nonostante sia una gara ufficiale, a Fermo la partita valida per la terza giornata del girone H di Coppa Italia di serie C per il Rieti rappresenta più un test-match che altro. In virtù dei risultati delle due giornate precedenti la squadra amarantoceleste è fuori dai giochi per il passaggio del turno e quello con la Fermana può quindi rappresentare un importante allenamento con un avversario di categoria che certamente si impegnerà al massimo: per passare il girone ai marchigiani serve vincere con due gol di scarto senza subirne.

La squadra reatina al Bruno Recchioni di Fermo scende in campo senza il suo allenatore, Ricardo Chéu, in panchina volato in Portogallo per i funerali del padre Amilcar deceduto a 73 anni, e per questo motivo su richiesta del club sabino la Lega ha accordato un minuto di silenzio prima della partita e il lutto al braccio. Ultimo aggiornamento: 19:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Animali in fila dal veterinario, l'attesa diventa una mostra

di Marco Pasqua