Rieti, Noi Fara lancia il "Laboratorio delle idee", un programma elettorale sempre aperto

Martedì 28 Luglio 2020 di Raffaella Di Claudio
RIETI - L'associazione Noi Fara lancia il "Laboratorio delle idee" ovvero la prima bozza di un programma elettorale che vuole rimanere "aperto" ai suggerimenti dei cittadini, i quali, se vorranno potranno accedere a un documento on line che potranno "modificare" inviando ai contatti dell'associazione suggerimenti e proposte. Anche dopo le elezioni.
 
«Quando si amministra con competenza, serietà ed impegno - esordisce la presidente dell'associazione, Mari Di Giovambattista - non servono slogan vuoti e copiati per spiegare la propria visione di città, ma va semplicemente raccontato ciò che si è concretamente fatto e cosa si vuole fare con i mezzi a disposizione. Politici amministratori hanno il dovere di ascoltare ogni giorno la propria cittadinanza, perché solo così si possono realmente programmare gli interventi di cui ha bisogno la città, ed è quello che noi Fara ha fatto in questi 9 anni».

«Oggi presentiamo la prima versione, che abbiamo appena discusso con i membri dell’associazione, del nostro programma di governo. Il nostro “Laboratorio delle idee” - spiega Di Giovambattista - non è il consueto programma elettorale necessario alla presentazione della lista, spesso scritto come libro dei sogni dalla difficile realizzazione, ma è un estratto di ciò che si è fatto in questi anni con la descrizione delle linee guida che spingeranno la nostra azione amministrativa».

«Un laboratorio è per antonomasia, un luogo senza preconcetti, in cui idee, prospettive ed intuizioni si mescolano al fine di assicurare la migliore soluzione possibile. L’abbiamo definito prima versione proprio per questo motivo, poiché per essere un programma di governo efficace, deve essere sempre in continua evoluzione. Resterà quindi aperto per tutta la durata della nostra legislatura a suggerimenti ed indicazioni che ci continuerete a dare giorno dopo giorno. Un metodo collaudato che prosegue dal 2011 con Davide Basilicata, e che arriverà al 2030 con Marco Marinangeli e Noi Fara». © RIPRODUZIONE RISERVATA