Rieti, nasce la rete
degli ecoristoranti

Mercoledì 18 Aprile 2018
Ecoristoranti
RIETI - E’ stata presentata oggi a Rieti la nuova rete dei ristoratori cittadini che sono entrati a far parte del progetto nazionale Ecoristoranti.
Promosso da Asm Rieti e Comune di Rieti, il progetto per la promozione del network di ristoratori ecosostenibili ha visto l’adesione di 12 attività ristorative che hanno deciso di valorizzare la loro attività con un impegno concreto nei confronti dell’ambiente e una maggiore attenzione agli sprechi alimentari.
L’attività è stata finanziata da Asm Rieti grazie all’aggiudicazione del bando nazionale Anci-Conai sulla comunicazione.
Alla presentazione, che si è svolta presso la sala del Consiglio comunale di Rieti, erano presenti il
ViceSindaco di Rieti, Daniele Sinibaldi ed il Presidente di Asm Rieti, Alessio Ciacci che hanno consegnato gli attestati ai ristoratori intervenuti. Presente, inoltre, Fabio Papa e Daniela Leone della Cooperativa Erica, società di comunicazione che gestisce la rete a livello nazionale, nonché Maurizio Nati dell’Ufficio comunicazione di Asm Rieti.
“Questa iniziativa - dichiara l’assessore alle attività produttive e turismo Daniele Sinibaldi - a supporto della creazione di strumenti di rete è uno strumento che abbiamo avviato per contribuire ad una promozione turistica del nostro territorio che passi anche attraverso l’attenzione alle tematiche ambientali. Ci auguriamo che la rete degli Ecoristoranti si consolidi e cresca in tutta la città diventando un ulteriore attrattore per le attività del nostro territorio; noi per quanto ci compete continueremo a supportare e stimolare le imprese alla creazione di processi di rete e di
sinergie.”

“La rete degli Ecoristoranti - dichiara Alessio Ciacci, Presidente Asm Rieti - rappresenta uno strumento importante sia per la promozione della sostenibilità ambientale che per la riduzione della produzione di rifiuti, considerata
una priorità a livello europeo. Siamo orgogliosi di contribuire a questo percorso e di esserci aggiudicati il finanziamento del progetto a livello nazionale. Rieti non è solo il primo capoluogo del Lazio per livelli di raccolte differenziate ma anche il primo capoluogo ad avviare una efficace politica di riduzione dei rifiuti.”
L' accordo stipulato dai ristoratori per aderire alla rete Ecoristoranti prevede il loro impegno nella
promozione dell’asporto delle pietanze non consumate dal cliente, l’utilizzo di tovaglioli in stoffa, dell’acqua in brocca, la preferenza per prodotti con meno imballaggi, la differenziazione dei propri rifiuti e il compostaggio. In cambio il ristoratore potrà esporre la vetrofania che conferma l’adesione alla rete, sarà presente sui canali social (Facebook e Instagram) della rete, potrà risparmiare su forniture, tempo e spazio. All’adesione i ristoratori hanno ricevuto un kit composto dalla vetrofania, l’attestato di adesione, un banner-espositore da collocare nei pressi della cassa e riceveranno nelle prossime settimane delle Doggy Bag, contenitori che possono essere utilizzati per il trasporto di cibi non consumati, ma ancora edibili.

Di seguito l’elenco completo dei ristoratori:
Cantina Centro Italia
La Corte
La Taverna dei Fabri
Il Coccio
Agriturismo Papaveri e Papere
Le Tre Porte
Arco del Seminario
Depero club
Trattoria dal Conte Max
Pane, Vino e Arrosticino
La Foresta
L'altra Vista

Presente all’iniziativa anche l’associazione italiana cuochi tramite il Presidente Elia Grillotti con cui Comune ed Asm hanno gettato le basi per un protocollo d’intesa che punti a estendere ulteriormente la rete e sensibilizzare molte delle altre attività legate al mondo della ristorazione.
Il network degli Ecoristoranti vede la luce nel 2012, in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei rifiuti, grazie ad un progetto proposto dalla Cooperativa Erica in Piemonte.
Ad oggi sono più di 150 i ristoratori presenti in una rete che è in continua espansione. Per ulteriori informazioni e
per scoprire come aderire alla rete Ecoristoranti: www.ecoristoranti.it, www.asmrieti. © RIPRODUZIONE RISERVATA