Rieti, Covid: si accelera per la terza dose. Asl pronta ad avviare anche la campagna per tutti gli under 12 del Reatino

Vaccinazione
di Raffaella Di Claudio
4 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Novembre 2021, 00:10

RIETI - Contro l’avanzata del virus la strategia che l’assessorato alla Salute regionale punta a mettere in campo nelle Asl locali è l’ampliamento della platea della terza dose ai cittadini tra i 40 e i 60 anni e avviare la vaccinazione antiCovid nei bambini dai 5 ai 12 anni. Con ogni probabilità, infatti, in provincia di Rieti ciò potrebbe accadere entro la fine dell’anno. L’obiettivo è non rivivere i giorni trascorsi non più tardi di 12 mesi fa, quando in provincia i positivi erano 1207, 749 in più rispetto a oggi che la curva si attesa sulle 458 unità.

La situazione 
Il quadro che emerge dall’ultimo bollettino rilasciato dalla Asl di Rieti in cui vengano rilevate 46 nuove positività mette in luce proprio quegli aspetti sui quali Asl e Regione intendono battere. Tra le persone contagiate, la maggior parte (25 su 46) si confermano cittadini che hanno tra i 35 e i 55 anni e non sono vaccinati. Dieci hanno completato il ciclo vaccinale, ma per tutti sono trascorsi più di 180 giorni dalla conclusione del ciclo. Dentro ci sono poi dieci under 12, elemento che si riscontra anche nelle scuole del territorio. Sono gli istituti comprensivi come in città la Minervini Sisti, e diverse scuole dell’infanzia (vedi Monteleone Sabino e Gavignano, nel comune di Forano) i luoghi che contano il maggior numero di positività. Proprio per questa ragione, la Asl è in stretto contatto con i dirigenti scolastici e con i sindaci e laddove vengono segnalate criticità o evidenziati cluster estesi, l’azienda predispone screening da effettuare con tamponi molecolari nasali, nei plessi o nei drive in territoriali. E’ successo a Fara Sabina (dove i test sono ancora in corso) e a Casperia, nelle cui scuole il numero di alunni infettati aveva raggiunto le 10 unità. 
Tra l’altro, nelle prossime ore verranno definite le nuove modalità di tracciamento derivanti dalle linee guida emesse dai ministeri della Salute e dell’Istruzione secondo cui la quarantena per gli alunni sopra ai 6 anni scatterebbe solo dopo tre positivi e i contatti del contagiato possono frequentare in presenza con tampone a tempo a zero negativo e con successivo controllo dopo 5 giorni. È proprio questa risalita delle infezioni tra gli under 12 ad accelerare il lavoro dell’assessorato regionale per dare una copertura ai più piccoli, spesso veicolo, all’interno delle famiglie, del virus. I tempi appaiono sempre più stretti e come l’ampliamento della platea della terza dose dovrebbero coincidere con dicembre prossimo.

Terza dose 
In attesa che ciò avvenga per permettere alle fasce già interessate dalla somministrazione della dose aggiuntiva, le persone potranno recarsi negli hub vaccinali anche senza prenotazione, a patto che ciò avvenga dopo le ore 14. La voglia di proteggersi per quanti avevano completato il ciclo sei mesi fa è sempre più evidente, come dimostra l’aumento nelle ultime due settimane delle somministrazioni che, riguardo alle terze iniezioni, sono più di seimila. Per ora possono accedere tutti gli over 60, i fragili di ogni età e il personale sanitario: qui le terze dosi sono mille. 
«Prosegue spedita la campagna vaccinale anti-Covid19 della Asl di Rieti – sottolineano infatti dall’azienda sanitaria - che ha raggiunto le 198 mila somministrazioni. I cittadini che hanno completato il ciclo vaccinal sono 95 mila». Già in corso, infine, le prenotazioni e le somministrazioni della dose aggiuntiva per quanti hanno ricevuto il monodose Johnson&Johnson: 2400 in provincia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA