CORONAVIRUS

Rieti, coronavirus, i sindacati:
di polizia: «Grazie ai colleghi
e a chi è in prima linea. Buon
lavoro a Gianluca De Santis»

Martedì 7 Aprile 2020

RIETI - «La Federazione Silp - Cgil – Uil Polizia, desidera ringraziare tutti i colleghi in servizio in questa provincia, sia della Polizia di Stato sia delle altre Forze di Polizia tutte, per i continui sacrifici cui si sottopongono in questo momento di “Emergenza Covid-19” - si legge nella nota del sindacato sull'emergenza coronavirus - Ringrazia in particolare anche tutti gli altri lavoratori del settore sanitario e tutti quelli che riescono ha garantire i servizi essenziali per il normale vivere quotidiano della popolazione».

«Con la speranza che questo periodo sia presto superato - prosegue la nota - esorta tutti i cittadini ha continuare il rispetto delle disposizione emanate con il decreto “Emergenza Covid-19” con preghiera di uscire di casa esclusivamente per necessità e indossando i necessari dispositivi di sicurezza individuale al fine di tutelare se stessi e gli altri, da eventuali contagi».

«La Federazione Silp Cgil-Uil Polizia, tiene ha rilevare che tutti gli operatori addetti alla sicurezza non fanno altro che applicare le norme per garantire la sicurezza di tutta la popolazione, al solo fine di poter tornare presto alla vita normale come tutti la conosciamo, a tal proposito, si ribadisce che gli operatori di Polizia continuano anche nel compito di informare i cittadini sul modus operante dei criminali nella fase emergenziale, che si evolve in continuazione, approfittando della fragilità del momento in tutti i settori».

«Infine - conclude la nota - questa Organizzazione Sindacale coglie l’occasione per augurare un in bocca al lupo al neo Commissario della Polizia di Stato Gianluca De Santis, già Sostituto Commissario della Polizia in servizio presso la Questura di Rieti e Segretario Generale Provinciale di Questa Organizzazione Sindacale che dall’8 aprile assumerà la Dirigenza dell’Ufficio Tecnico Provinciale della Questura di Rieti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani