CORONAVIRUS

Coronavirus, Uil Pensionati
e Ada Rieti e la raccolta
fondi per una Pasqua solidale

Mercoledì 1 Aprile 2020
RIETI - La Uil pensionati Lazio e l’Ada (Associazione diritti degli anziani di Rieti) ha avviato l’iniziativa "Pasqua Solidale" ovvero una raccolta fondi tra gli iscritti e i dirigenti del sindacato per acquistare derrate alimentare da donare poi ai cittadini e le cittadine del capoluogo e della provincia reatina nel giorni che precedono la Pasqua vista l'emergenza coronavirus. «Gli alimenti verranno consegnati alla Caritas di Rieti e da lì distribuiti ai cittadini più bisognosi», fa sapere il presidente dell’Ada, Augusto Giovannelli.

«In questi difficili giorni di emergenza sanitaria da coronavirus - spiega il presidente Giovannelli - la nostra iniziativa vuole essere un piccolo gesto di solidarietà nei confronti della fascia della popolazione più fragile. Non dimenticare i più deboli e gli anziani é un richiamo diretto al valore della vita».

«Stiamo vivendo un momento storico triste e difficile - prosegue Giovannelli - molte famiglie cominciano ad avere difficoltà anche per soddisfare i bisogni primari. Quelli che tanti considerano gesti semplici e ripetitivi come l’acquisto di generi alimentari, per molti anziani si stanno trasformando in un lusso. Questa situazione va a impattare su un territorio già martoriato da un sisma devastante, che ha seminato morte e distruzione. Noi non possiamo assistere impotenti a tutto questo, non possiamo permetterci che una parte della nostra popolazione resti indietro, sola e abbandonata».

«Questo - conclude Giovannelli - é il momento della solidarietà, questo è il momento di dimostrare che la comunità reatina è unita, questo è il momento di dimostrare che il patrimonio dei valori con quali siamo cresciuti non sono andati persi per strada. Rieti non dimentica i più fragili e gli indifesi. Noi dell’Ada lo dimostriamo concretamente con l’iniziativa Pasqua Solidale». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani