Rieti, coronavirus, ristorazione,
pub e bar: si lavora su proposte
e misure per superare la crisi

Lunedì 27 Aprile 2020
Elia Grillotti, presidente provinciale Federcuochi

RIETI - Si è tenuto un incontro tra il Vicesindaco di Rieti, Daniele Sinibaldi, e i rappresentanti reatini della Federcuochi, il presidente Elia Grillotti e il Segretario Ivan Bonifazi, per affrontare le criticità del settore della ristorazione, comuni però a tante altre attività commerciali come bar, pub e pasticcerie.

«Ieri abbiamo appreso che questo tipo di attività continueranno ad essere chiuse fino a giugno – dichiara il Vicesindaco di Rieti, Daniele Sinibaldi – aggravando ulteriormente una situazione che già oggi risulta drammatica per un settore vitale per l’economia e l’occupazione nazionale e cittadina. Abbiamo preso atto che poco potranno fare i Comuni in termini di protocolli e dispositivi di sicurezza, che verranno regolati da normative nazionali, ma abbiamo garantito il massimo impegno dell’Amministrazione comunale ad accompagnare e favorire ogni tipo di processo di ripresa. Molte iniziative le abbiamo già messe in campo e altro cercheremo di fare nelle prossime settimane. Personalmente sto proseguendo negli incontri con i rappresentanti di un settore che non può essere abbandonato dalle istituzioni, per tentare di individuare strategie comuni di lavoro e di pressione verso Amministrazioni di livello superiore, regionale e nazionale. Già nel pomeriggio odierno insieme al Sindaco Antonio Cicchetti incontreremo un’altra delegazione di titolari di attività di ristorazione».

Il Comune di Rieti, ad oggi ha già assunto una serie di significativi provvedimenti:

E’ stata confermata l’esenzione totale dal pagamento per tavoli e sedute su suolo pubblico che saranno quindi totalmente gratuiti (esenzione Tosap)

Su proposta dell’assessore alle attività produttive Sinibaldi, saranno a breve all’esame dell’apposita Commissione, in via d’urgenza, una serie di modifiche al regolamento dei dehors che consentiranno l’installazione di tavoli e sedute anche su suolo privato, precedentemente impedita, e l’installazione, sempre totalmente gratuita, di tavoli e sedute all’esterno, sia su suolo pubblico che privato, anche per le attività artigianali (come ad esempio gelaterie e pasticcerie), precedentemente escluse da questa possibilità.

E’ stato posticipato il versamento della rata Tari in attesa di provvedimenti specifici sui tributi locali da parte del Governo, come richiesto da Anci – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, che ci si augura possano arrivare nel prossimo decreto con le misure economiche.

E’ iniziata la fase di valutazione dei progetti presentati per il bando che mette a disposizione 400.000 euro di finanziamenti a fondo perduto per le imprese. Entro la fine di maggio uscirà la graduatoria definitiva ed inizierà l’erogazione del contributo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA