Rieti, il volere di Cicchetti
per il post Masotti “turba” Forza Italia

Martedì 26 Maggio 2020 di Antonio Bianco
Antonio Cicchetti
RIETI - Lunga riunione al vertice ieri pomeriggio nella sede di Forza Italia per discutere delle dimissioni della Masotti. Il direttivo provinciale degli azzurri ha ascoltato le motivazioni che hanno portato l’ex assessore all’Innovazione tecnologica a sbattere la porta e rassegnare le dimissioni dalla giunta comunale. Su questo punto si sarebbe acceso un lungo dibattito tra i presenti, tra cui mancava però proprio il sindaco Antonio Cicchetti. Il tutto sarebbe avvenuto in un clima sereno. Alla Masotti sarebbe stato anche chiesto di ricucire lo strappo con il primo cittadino, ma l’ex assessore avrebbe ribadito la sua volontà di non recuperare con l’inquilino di Palazzo di Città. Il partito, a quel punto, avrebbe ringraziato l’ex assessore per il suo impegno da amministratore e le avrebbe chiesto di continuare a dare il proprio contributo politico in Forza Italia. Partito nel quale la stessa Masotti, tra l’altro, ha sempre ribadito di voler restare.

La successione
Durante la riunione si sarebbe discusso anche del possibile nominativo che dovrebbe andare ad occupare quella che è stata la casella della Masotti, ma la decisione sarebbe stata rimandata ad un nuovo incontro, da tenersi nei prossimi giorni. In pole position ci doveva essere Alberta Paris, unica donna azzurra in seno al consiglio comunale che potrebbe rispettare l’obbligo delle quote rosa in giunta, ma a quanto si apprende da alcuni rumors la consigliera azzurra avrebbe fatto un passo indietro e il partito ora sarebbe già al lavoro su un altro nome, che per forza di cose a questo punto va pescato fuori dal consiglio comunale. Ipotesi che a quanto si apprende potrebbe andare bene anche allo stesso sindaco Cicchetti, il quale non avrebbe espresso il massimo dei consensi nei confronti dell’ipotesi Paris.

Parola di Ettore Saletti
A ribadire ancora una volta che il posto dell’ex assessore spetti a Forza Italia è stato, a riunione terminata, il capogruppo in consiglio comunale, Ettore Saletti: «Il sostituto della Masotti dovrà essere del nostro partito. Stiamo lavorando su alcuni nomi, nei prossimi giorni porteremo la nostra proposta al sindaco Cicchetti. Il nome che proporremo dovrà avere capacità amministrative, voglia di impegnarsi e disponibilità nei confronti della città».
Il Messaggero ha cercato di ascoltare anche il parere del coordinatore provinciale di Forza Italia, Sandro Grassi, il quale però ha preferito per il momento non commentare. A parlare invece della situazione della Massotti è stato il neo coordinatore cittadino Simone Labonia. «Il problema di Elisa Masotti – ha detto il dirigente degli Azzurri prima della riunione – è stato quello di aver condiviso poco con il partito questa sua scelta in riferimento alla sua azione amministrativa». Ultimo aggiornamento: 13:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani