Rieti, centrale biogas a Ponzano:
il sindaco di Stimigliano Gilardi
chiede che il progetto sia sospeso
«Si avvii un confronto sul tema»

Giovedì 18 Gennaio 2018 di Samuele Annibaldi
Una centrale a biogas (archivio)
RIETI - E' tornato a scrivere al suo collega di Ponzano, il sindaco di Stimigliano Franco Gilardi, il quale, in qualità di presidente dell'Unione dei Comune Bassa Sabina torna a parlare della centrale a biogas che si andrebbe a realizzare sulla sponda romana del Tevere. Gilardi ha avanzato tutta una serie di perplessità inerenti la realizzazione della centrale.

Dalla vocazione agricola è turistica della Valle del Tevere che stride su quanto si vorrebbe impiantare fino ad arrivare alle peculiarità agricole che vi vengono prodotte e alle eccellenze che vedrebbero compromesse in nome di una centrale che accoglierebbe  rifiuti da altri comuni facendo, nell'immaginario collettivo, correre paragoni come quelli che si fanno sulle discariche.

Non solo Gilardi ha anche parlato dell'incidenza che una operazione del genere avrebbe sul mercato immobiliare della zona. Non da ultimo le proporzioni di un impianto che andrebbe realizzato su una superficie di sei ettari, definendo la centrale sproporzionata rispetto al territorio. Da non trascurare infine l'impatto sulla salute pubblica tutto ancora da verificare.

Gilardi in ultimo ha chiesto al collega di Ponzano di sospendere il progetto e avviare un confronto coi sindaci della zona, sia dell'area romana che sabina. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti