Rieti, i tifosi sostengono la squadra
ma criticano la società.
Omaggio a Stefano Colasanti. Foto

Sabato 8 Dicembre 2018 di Umberto Leoncini
Lo striscione esposto dai tifosi (Foto Riccardo Fabi/Meloccaro)

RIETI - Alla fine ha vinto il cuore e i tifosi del Rieti hanno rinunciato alle contestazioni e, non solo sono entrati ma hanno anche cercato di sostenere la squadra riservando una evidente indifferenza soltanto alla società fino al 32’ quando espongono lo striscione “Rieti ai reatini”.
 

 

Da sottolineare il ricordo della curva durante il minuto di raccoglimento per le vittime dell’esplosione nel distributore sulla Salaria di mercoledì scorso, Stefano Colasanti e Andrea Maggi, con un altro striscione con scritto: “Ciao Stefano, Eroe reatino”.

Diverso invece l’atteggiamento dei tifosi della Paganese che in 50 si sono sistemati in curva sud a partita iniziata, proprio contestualmente all’assegnazione del rigore che è valso il momentaneo vantaggio dei campani, e sono rimasti in silenzio fino al 25’ quando hanno iniziato a lanciare a sostegno della loro squadra, salvo poi lanciare la contestazione già allo scadere del primo tempo dopo il 3 a 1 per i padroni di casa.

Per il resto i 300 spettatori del Manlio Scopigno si sono goduti un primo tempo ricco di emozioni, iniziato male ma concluso alla grande con la seconda rete di Gondo che ha fissato il punteggio sul 4 a 1 per il Rieti.

Ultimo aggiornamento: 19:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Chi era Trilussa?”: cosa rispondono i ragazzi di Trastevere

di Veronica Cursi