Il Rieti nel bunker del Potenza
che cerca conferme: solo 15 gol
subìti e la coppia Bari-Ternana
nel mirino per centrare il podio

Sabato 1 Febbraio 2020 di Marco Ferroni
Il Potenza durante la gara d'andata allo Scopigno (foto Riccardo Fabi/Meloccaro)
RIETI - Potenza-Rieti, se non è un "clasico" poco ci manca. Rossoblù e amarantoceleste sono tornati in serie C due stagioni fa e dopo essersi sfidati nella Poule Scudetto (al "Viviani" finì 0-0), le due squadre si sono ritrovate poi una contro l'altra anche in campionato a distanza di 13 anni dall'ultima volta: il bilancio, finora, è di 3 vittorie lucane, 1 laziale e un pareggio, l'1-1 dell'andata caratterizzato dai gol di Marcheggiani e Vuletich.

Ma il Potenza, rispetto al Rieti, sta disputando una stagione diametralmente opposta: terzo in classifica insieme al Monopoli e a -3 dalla coppia Bari-Ternana sempre all'inseguimento della Reggina capolista, la squadra guidata dal tecnico Raffaele vanta la miglior difesa del girone C con appena 15 gol subìti, seconda solo a quelle di Vincenza (10) e Monza (13), rispettivamente leader negli altri due gironi e quarta in assoluto tra tutti i campionati professionistici, tenendo anche conto del bunker difensivo messo su dal Benevento di Pippo Inzaghi, perforato solo 11 volte.

E quello dell'impermeabilità difensiva, domani al "Viviani" contro un Rieti privo di Russo lì davanti, potrebbe diventare un fattore determinante nell'economia di 90' che per i lucani è di assoluta importanza per non perdere di vista il podio del girone. Raffaele, che avrà la possibilità di sfruttare il secondo turno casalingo consecutivo, dopo quello (vincente) col Bisceglie, sembra intenzionato a riproporre lo stesso modulo (3-4-3) e gli stessi interpreti di sette giorni fa con Ioime tra i pali, difesa  guidata da Emerson al centro e completata da Giosa a sinistra e Di Somma a destra.

A centrocampo l'esperienza di Dettori e la duttilità tattica di Ricci, sono caratteristiche necessarie per operare in cabina di regìa, mentre Panico e Coccia spingeranno forte lungo le corsie laterali. Lì davanti il brasiliano França - decisivo contro il Bisceglie allo scadere - si avvarrà del supporto di Longo e Murano, con Isgro e Gassama pronti a subentrare nella ripresa in caso di necessità. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani