Rieti, ora anche i dilettanti con le
maglie fisse da 1 a 99: svolta
nel calcio dalla D alla Terza

Rieti, ora anche i dilettanti con le maglie fisse da 1 a 99: svolta nel calcio dalla D alla Terza
di Christian Diociaiuti
1 Minuto di Lettura
Martedì 4 Luglio 2017, 15:40

RIETI  - Il portiere con la 77 come Peruzzi, il bomber vero con la 32 di Vieri o il 18 di Dionisi. Sogni che diventano realtà per i calciatori dilettanti, anche reatini: a partire dalla stagione 2017/2018 per la prima volta nella storia del calcio i giocatori partecipanti ai campionati dilettantistici nazionali, regionali e provinciali, nonché dei campionati giovanili Juniores, (in deroga all'articolo 72 delle N.O.I.F.), potranno indossare per tutta la stagione la maglia con lo stesso numero (da 1 a 99, non necessariamente progressivo). Una novità che permetterà alle società di potenziare il marketing ed il merchandising, reperendo così nuove risorse, ed al contempo di risparmiare sulle spese del materiale tecnico.

La proposta espressa dal Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti è stata accolta dal Consiglio federale della Figc ed ora è realtà. Il provvedimento, perciò, riguarda tutti i club (attualmente anche il Rieti, dovesse rimanere in D), dalla D alla Terza, passando per Eccellenza e Promozione. Numeri da 1 a 99 ma niente cognomi, come i big di A, B e C; per quel provvedimento c’è ancora tempo. Anche per il calcio femminile continua la felice iniziativa che sta portando benefici ai sodalizi nazionali: confermata la facoltà per le calciatrici dei campionati Nazionali A e B 2017/2018 della personalizzazione dei numeri e dei cognomi per tutta la stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA