Rieti, Real ad Arzignano, veneti
con la voglia di riscatto. Lopez:
«Vogliamo invertire la rotta»

Giovedì 10 Ottobre 2019 di Mattia Esposito
L'Arzignano (Foto Denise Nicolato)
RIETI - Dopo la permanenza in serie A conquistata nei playout dello scorso anno a scapito della Lazio, l'Arzignano ha iniziato questa nuova stagione con aspettative che, almeno sulla carta, volevano la formazione veneta raggiungere una salvezza più tranquilla. Anche la gara di esordio, nella quale era arrivato un pareggio contro l'Acqua&Sapone, sembrava aver lanciato un segnale positivo, ma da quel momento in poi si è praticamente spenta la luce. Nelle successive tre giornate di campionato i biancorossi hanno collezionato altrettante sconfitte, rispettivamente contro Came Dosson (7-2), Italservice Pesaro (8-0) e Signor Prestito Cmb (7-1). Momento difficile per i ragazzi allenati da Fabian Lopez, che domani riceveranno al PalaTezze il Real Rieti, che invece ha infilato tre successi consecutivi.

Quella dell'Arzignano è una squadra giovane, che si appoggia però sui due pilastri Amoroso e Marcio Brancher. In estate, tra le altre, c'è stata la partenza di Carlo Houneou, uno dei talenti emergenti del futsal italiano, rimpiazzato da un'altro pezzo pregiato della linea verde azzurra: Ibra Ghouati. Intorno a questi elementi ruotano una serie di giocatori interessanti, come il venezuelano classe '92 Morillo, o il centrale argentino classe 1997 Juan Ignacio Claro. Insomma, un Arzignano che aspetta la quadratura del cerchio ed il recupero di qualche giocatore importante, che si troverà di fronte un Real determinato ad allungare la striscia positiva e i segnali di crescita mostrati anche nel match contro il Mantova. 

LE ASPETTATIVE DI FABIAN LOPEZ

Come detto, il momento è delicato, come sottolineano anche le parole di Fabian Lopez: «Vogliamo cambiare la situazione che si è generata con gli ultimi risultati negativi. Siamo consapevoli di essere in un momento difficile, ci mancano alcuni giocatori. Con il livello delle altre squadre delle sconfitte ci possono stare, ma non pesanti come sono arrivate nelle ultime gare. La rosa come è detto non è al completo, nell'ultima gara siamo riusciti a tesserare Fred, tanti dei ragazzi in rosa sono alla prima esperienza in serie A». Poi un passaggio sulla gara di domani contro il Real: «Ho visto la partita contro il Mantova, Rieti è una squadra con grande potenza di fuoco nella fase offensiva, sicuramente ci sarà da soffrire». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma