Rieti, dopo gli infortuni il tricolore:
Roberta Bruni si ritrova: «Grazie
ad alcune persone speciali»

Mercoledì 12 Settembre 2018 di Lorenzo Bufalino
Roberta Bruni
Tanti sono stati gli atleti reatini protagonisti a Pescara nel weekend per i campionati Italiani assoluti. Tante medaglie, tante prestazioni e tanti ritorni al vertice dopo infortuni. Questo è il caso di Roberta Bruni, Carabiniera allenata da Riccardo Balloni, che è tornata a vincere il titolo assoluto nel salto con l'asta. L'atleta che si è avvicinata all'atletica grazie alla scuola e che è cresciuta nel grande vivaio dell'Atletica Studentesca Rieti, a Pescara ha portato a termine una stagione difficile ma anche molto importante per la sua carriera: "Dopo tutti i problemi e gli infortuni che ho avuto sono tornata a vincere un titolo outdoor e questo grazie a persone speciali. Ho finalmente trovato il mio equilibrio e la mia serenità". Perché si nello sport per andare forte ci vuole anche tanta serenità, soprattutto in una disciplina come il salto con l'asta dove si sfidano le leggi della gravità. Una gara quella di Pescara dove la Bruni ha vinto il titolo con la misura di 4.35 e provata poi invano la misura di 4.50: "Quest'anno ho fallito questa misura sempre per pochissimo e sento che saltarla mi può portare di nuovo a fare il salto di qualità anche a livello internazionale". Quest'anno infatti la Carabiniera di Nazzano ha saltato a Rieti poche settimane fa fino a 4.40 ma sente già di poter andare oltre a partire dalle prime gare indoor del 2019. Il prossimo anno saranno due i grandi appuntamenti internazionali: i campionati Europei indoor di Glasgow e i mondiali outdoor di Doha. "il mio obiettivo il prossimo anno sarà quello di saltare sempre più in alto e di tornare a saltare in pedana con le astiste più forti del mondo". © RIPRODUZIONE RISERVATA