Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

In tremila al Guidobaldi per gli Assoluti. Jacobs torna e vince il titolo sui 100: «Grazie Rieti». Foto

Marcell Jacobs dopo la vittoria (foto Alessio De Marco/Meloccaro)
di Emanuele Laurenzi
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 22:09 - Ultimo aggiornamento: 22:12

RIETI - Tremila spettatori sugli spalti e un Marcell Jacobs che domina sulla stessa pista che fu di Asfafa Powell, vince di nuovo il titolo italiano e poi si rivolge così al pubblico in visibilio: «Un anno fa avevo promesso che avrei corso qui. E' fondamentale avere un pubblico così e vi ringrazio tutti, perché ritrovarvi è stato bellissimo»

 

Cartoline dal Guidobaldi tricolore: lo storico impianto in riva al Velino ospita una prima giornata degli Assoluti di Atletica col botto. Assegnati 15 titoli tricolore, col clou dei 100 metri che si sono corsi tra le 19.13, con la prima batteria e le 20.35 con la finale. E' stata la fine di una giornata caldissima, in tutti i sensi e ricchissima di emozioni, che ha riportato Rieti indietro nel tempo, alle giornate dei record di Rietimeeting, raccogliendo alla fine oltre 3mila persone sugli spalti. 

Tutti per Jacobs

A far capire a tutti che il campione era in pista è stato il boato della Velino, arrivato alle 19.15 quando Jacobs ha provato lo scatto fino a metà rettilineo. Un attimo dopo il pubblico è scattato di nuovo in piedi per Tortu che ha provato un altro scatto ed è stato ancora boato. Atmosfera elettrica per i due campioni che hanno corso la batteria, qualificandosi per la finale che c'è stata poco più di un'ora dopo: sul rettilineo del Guidobaldi si sono ritrovate 3 ori olimpici, ovvero Jacobs, Tortu e Lorenzo Patta, che a Tokyo ha vinto la 4x100 insieme agli altri due e a Fausto Desalu. Una volta da 10"12, quella della finale, che ha visto Jacobs trionfare davanti a Chituru Ali (10”16) e Filippo Tortu (10”24). Uno spettacolo al quale Sandro Giovannelli ha assistito con la faccia emozionata come quella di un bambino, appoggiato alla balaustra proprio sulla linea dei 100 come un tifoso qualunque.

© RIPRODUZIONE RISERVATA