Rieti, l'ex assessore comunale Ettore Saletti
assolto dall'accusa di voto di scambio

Lunedì 7 Luglio 2014
RIETI - Assolto con formula piena, perché il fatto non sussiste. Ha esultato l’ex assessore comunale ai Servizi sociali, Ettore Saletti, oggi pomeriggio alle 16 alla lettura della sentenza del giudice monocratico, Andrea Fanelli. Si chiude così una parentesi prosessuale che ha visto sul banco degli imputati l’ex assessore dall’autunno del 2013.



Assistito dagli avvocati Pietro e Italo Carotti, Saletti era accusato di aver cercato consensi elettorali prima delle amministrative del 2007, promettendo in cambio buoni spesa e contributi per le bollette. Un’accusa ieri smontata dall’avvocato Pietro Carotti, durante una requisitoria di oltre due ore. Il processo, ricordiamo, era approdato davanti al giudice monocratico proveniente da una richiesta di archiviazione chiesta dal pm per prescrizione.



Richiesta a suo tempo respinta dal gip che ordinò alla procura di formulare l’imputazione coatta. Nei confronti di Saletti le indagini erano partire da alcuni episodi ricostruiti dalla Finanza nel corso di un’indagine costellata da esposti anonimi che indicavano anche altri beneficiari dei contributi, rivelatisi poi non rispondenti al vero.



«Tutto è bene quel che finisce bene», ha commentato un Saletti soddisfatto e finalmente sollevato. Ultimo aggiornamento: 19:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Chi era Trilussa?”: cosa rispondono i ragazzi di Trastevere

di Veronica Cursi