Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Asl replica ai sindacati: «I lavoratori interinali dipendono solo dall'agenzia»

La Asl replica ai sindacati: «I lavoratori interinali dipendono solo dall'agenzia»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Luglio 2022, 15:51

RIETI - «La Direzione Aziendale della Asl di Rieti, in merito alla richiesta di Cgil, Cisl e Uil che ha come oggetto “sollecito convocazione tentativo di conciliazione”, precisa che i lavoratori menzionati nella nota datata 26 luglio 2022, 19 in tutto, non sono dipendenti della Asl di Rieti ma lavoratori somministrati, dipendenti del soggetto somministratore, che è unicamente l’Agenzia interinale. Su tali lavoratori non esiste alcun tipo di percorso o processo che non sia quello di essere assunti dal somministratore (Agenzia interinale) e da questi inviati in missione presso l’utilizzatore (in questo caso la Asl di Rieti). Inoltre, si tratta di figure professionali non sanitarie: pertanto non erogano “servizi sanitari” come erroneamente riportato nella suddetta nota», si legge nella nota della Asl di Rieti

«Diverso il discorso dei contratti a tempo determinato: la Asl di Rieti è stata infatti la prima Azienda Sanitaria del Lazio a rinnovare tutti i contratti a tempo determinato (una misura che ha coinvolto circa 300 lavoratori) fino al 31 dicembre 2022, così come previsto dall’accordo tra le Organizzazioni sindacali e la Regione Lazio. La Asl di Rieti ricorda inoltre che procede secondo quanto stabilito con la Regione Lazio la procedura di stabilizzazione del personale dirigenziale e del comparto, ruolo sanitario e degli operatori socio sanitari della Asl di Rieti in possesso dei requisiti per la stabilizzazione prevista dall’articolo 1, comma 268, lettera B della Legge 234 del 30 dicembre 2021», conclude la nota della Asl di Rieti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA