Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spaccio di sostanze stupefacenti, la polizia arresta due giovani

Spaccio di sostanze stupefacenti, la polizia arresta due giovani
2 Minuti di Lettura
Martedì 16 Agosto 2022, 12:53

RIETI - Nei giorni scorsi personale della Polizia di Stato, durante la normale attività di repressione dei reati specifici in materia di sostanze stupefacenti, ha arrestato, nella flagranza di reato, un camerunense di anni 32 ed un nigeriano di anni 25, quest’ultimo residente in Sabina, entrambi disoccupati, per i reati di detenzione ai fini di spaccio di eroina e marijuana. Il cittadino nigeriano è stato tratto in arresto anche per il reato di resistenza a P.U..

L’attività di PG era iniziata alcuni giorni prima, quando il personale della Squadra Mobile aveva notato il camerunense, già arrestato nell’ambito dell’indagine denominata “Angelo Nero” del 2020 e condannato in primo grado a tre anni di reclusione, mentre si appartava con alcuni tossicodipendenti reatini.

Convinti che il soggetto non avesse mai interrotto l’illecita attività, nei giorni a seguire, lo stesso veniva sottoposto a perquisizione personale e domiciliare presso l’appartamento occupato dallo stesso, ubicato nei pressi della locale Questura. Nell’occorso veniva identificato anche un suo complice il quale, alla vista degli operanti, tentava di darsi a precipitosa fuga opponendo anche una forte resistenza.

La successiva perquisizione domiciliare dell’appartamento consentiva di rinvenire oltre 20 grammi di eroina, parte della quale già suddivisa in dosi pronte da essere spacciate, altri grammi di marijuana, denaro contante, presunto provento dell’illecita attività, strumenti idonei al confezionamento e pesatura di dosi nonché altro materiale ritenuto di interesse investigativo.

Al termine dell’attività i due soggetti sono stati tratti in arresto e, come disposto dal PM di turno, accompagnati presso le rispettive residenze in regime degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA