Rieti, il profumo «E' Amatrice»
vola a Milano alla Triennale
Il progetto della Cna

Martedì 30 Gennaio 2018 di Daniela Melone
Amatrice
RIETI - Amatrice può andare oltre il terremoto e può farlo conquistando una sua fama non solo per gli spaghetti con il sugo originario del territorio, ma anche per la qualità di una nuova imprenditoria. Nasce così il profumo «401 E' Amatrice» (nella foto), nato dalla polvere delle macerie e ideato dalla famiglia Serafini, titolare della profumeria Riflessi, nel centro commerciale Cotral. «L'idea - raccontano - è nata durante i mesi duri dello sconforto, quando non avevamo ancora una sistemazione fissa e il negozio non era stato riaperto. Ora vogliamo che Amatrice venga portata in tutto il mondo e che chi indosserà il 401 porti con sé l'odore della rinascita». Marina e Roberto Serafini con le figlie Alessia e Domiziana, hanno ricominciato da zero.
E' Vincenza Bufacchi, direttrice della Cna di Rieti, a mettere la famiglia in contatto con una coppia di progettisti, gli architetti Silvana Angeletti e Daniele Ruzza, che suggeriscono ai Serafini di sviluppare un nuovo percorso d'impresa positivo a partire da ciò che da sempre li ha appassionati, ovvero il mondo dei profumi. Per la creazione della fragranza si sono affidati a Lorenzo Dante Ferro, mastro profumiere, che si è preso cura del progetto insieme all'agenzia di comunicazione fondata da Katia Jorfida e Cristina Rota e al fotografo Giovanni Gastel. La composizione 401 È Amatrice contiene 140 essenze, un accordo classico italiano di note agrumate, fresche erbacee, accenti floreali, muschi, legni pregiati, spezie e ambra. «Amatrice è una grande signora e per questo merita il meglio. Non è stata, o sarà: è», spiega Marina. Da qui il nome del profumo, al quale si unisce il numero della fragranza che Ferro ha creato appositamente. E' un profumo unisex, in vendita anche a Rieti, da Raffaela in via Cintia 21, che domani sarà lanciato ufficialmente alla Triennale di Milano, dopo essere stato presentato in anteprima a Roma nella boutique della stilista Alessandra Giannetti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti