Amatrice, lettera di Pirozzi
al commissario De Micheli
sul patrimonio delle casette

Venerdì 5 Gennaio 2018 di Fabio Calcioli
1
Una Sae

RIETI - Nella giornata di oggi il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi ha indirizzato una lettera al Commissario alla ricostruzione post sisma 2016 Paola De Micheli sull’acquisizione delle SAE al patrimonio comunale: “E’ con sentimento di profondo rammarico- scrive Pirozzi- che sono costretto a rappresentare tutta la nostra delusione riguardo la disposizione contenuta al comma 750 della legge di bilancio 2018 approvata dal Senato il 23 dicembre 2017 che prevede il trasferimento delle strutture abitative di emergenza a patrimonio indisponibile del Comune di Amatrice da utilizzare per esigenze future di protezione civile o per lo sviluppo socioeconomico del territorio. Tale delusione si appalesa ancora più cocente e dimostra, ancora una volta, che su decisioni così importanti per il futuro di questi territori non si considerano gli stessi, e chi li rappresenta, dei validi interlocutori. Noi non permetteremo a nessuno di nuocere al territorio, nessuna legge dello Stato potrà mai obbligarci ad abdicare sulla competenza dell’Ente comunale in materia di governo del territorio e pianificazione urbanistica. Il terremoto ha lasciato agli abitanti di Amatrice e alle prossime generazioni un’eredità pesantissima e la scelta governativa di rendere permanenti le strutture abitative di emergenza è l’esemplificazione di come si continui a procedere senza un vero progetto condiviso e soprattutto senza avere idea del contesto identitario di questi territori, che non vogliono ritrovarsi a vivere in un informe e grigio paesaggio. I cittadini di Amatrice attendono, invece, una celere ricostruzione di questo borgo che, rammento, è insignito del titolo di uno dei borghi più belli d’Italia ed è immerso nello scenario del Parco del Gran Sasso e dei Monti della Laga. I cittadini di Amatrice si aspettano, quindi, di rientrare presto nelle loro abitazioni e di vedere contestualmente rispristinato lo stato dei luoghi ove ora sono insediate le strutture abitative di emergenza. Non siamo disponibili, quindi, a veder modificato in maniera irreversibile il tessuto urbano e quindi sociale del nostro territorio. E non siamo disponibili a subire di nuovo il terremoto come elemento di accelerazione del consumo di suolo, anche a spregio delle attuali tendenze della pianificazione urbanistica nazionale, suolo che non deve essere sottratto alla nostra agricoltura e ai nostri agricoltori, che vivono già da tempo una profonda crisi. Si aggiunga la fortissima preoccupazione per il fatto che tale improvvida scelta urbanistica andrebbe a creare una ferita nell’equilibrio tra essere umano e habitat, sia dal punto di vista della sostenibilità ambientale che dal punto di vista paesaggistico. Tutti questi motivi e preoccupazioni furono già condivisi con il precedente Commissario Vasco Errani che assicurò il ripristino dei luoghi delle attuali aree destinate alle SAE, non appena conclusa la ricostruzione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA