Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Cancellata la reperibilità dell'ufficio
di stato civile: impossibile il rilascio
di certificati di morte nei festivi»
l'accusa è di Rieti Città Futura

«Cancellata la reperibilità dell'ufficio di stato civile: impossibile il rilascio di certificati di morte nei festivi» l'accusa è di Rieti Città Futura
1 Minuto di Lettura
Lunedì 11 Febbraio 2019, 21:22

RIETI - «Non c’è limite alla vergogna». Lo scrivono i consiglieri comunali di Rieti Città Futura in un comunicato nel quale denunciano  la soppressione del servizio di reperibilità per i giorni festivi dell’Ufficio Stato Civile, al fine di permettere il rilascio dei certificati di morte, trasporto e seppellimento.

Nella precedente amministrazione - spiega Alessio Angelucci - grazie all’impegno del sindaco Petrangeli, era stato istituito il servizio di reperibilità per i giorni festivi dell’Ufficio Stato Civile, al fine di permettere il rilascio dei certificati di morte, trasporto e seppellimento, così da adeguare il Comune di Rieti agli standard dei principali comuni italiani capoluoghi e non, ed evitare una inutile e indecorosa permanenza delle salme all’interno della camera mortuaria del nosocomio Reatino e nelle private abitazioni del territorio.

Ma il sindaco Cicchetti - prosegue Angelucci - divertendosi d eliminare ogni buona azione amministrativa della precedente giunta, ha ben pensato di interrompere il servizio reperibilità, facendo tornare le lancette dell’orologio ancora una volta indietro nel tempo, quando in questo caso, le salme si accumulavano senza nessun rispetto né per i defunti né per le loro famiglie«.

Angelucci poi annucia che «i consiglieri del gruppo Rieti Città Futura hanno già protocollato un’interrogazione urgente per conoscere le motivazioni di questo ennesimo scandalo cittadino».

© RIPRODUZIONE RISERVATA