Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rieti, Pirozzi a Sky Sport 24 conferma: «Sì, torno ad allenare il Trastevere». Il terremoto lo costrinse a mollare

Sergio Pirozzi
di Marco Ferroni
1 Minuto di Lettura
Sabato 13 Giugno 2020, 09:46 - Ultimo aggiornamento: 12:14

RIETI - «Sì, dal primo luglio sarò il nuovo allenatore del Trastevere». Ad affermarlo è direttamente Sergio Pirozzi che nel corso dell'intervista in esclusiva rilasciata a Sky Sport 24 ha di fatto confermato quanto ampiamente anticipato da Il Messaggero lo scorso 9 maggio.

Leggi qui Rieti, Sergio Pirozzi tornerà ad allenare il Trastevere degli amatriciani Betturri e D'Alessio

A volta ritornano
Per il 55enne tecnico amatriciano, si tratta di un ritorno al passato, per la precisione un ritorno a quel maledetto 24 agosto 2016 quando il violento terremoto che rase al suolo Amatrice (di cui Pirozzi all'epoca era sindaco) e le frazioni limitrofe, costringendolo a lasciare il timone del club giallorosso che si apprestava a dare battaglia alle avversarie pugliesi del girone H della serie D.

Questione di cuore
«Ricomincio da dove avevo lasciato il 24 agosto del 2016 - dichiara Pirozzi a Sky Sport 24 -. Da una società bella, giusta, fatta da grandi persone. Avevo avuto altre offerte, ma il posto giusto dove ricominciare era quello. Quella notte avevo dovuto lasciare la squadra per allenare la mia gente. La ferita è stata grande, io non ho mai visto il Trastevere giocare in questi quattro anni. Non ero pronto, è come quando interrompi una storia d'amore col tuo partner non per colpa tua o del partner, ma per cause di forza maggiore. E quando è per forza maggiore, è una ferita che non si rimargina più. Non ero guarito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA