Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Peste suina, ecco la “zona rossa” in cinque comuni del Reatino

Peste suina, ecco la “zona rossa” in cinque comuni del Reatino
2 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 16:53 - Ultimo aggiornamento: 17:24

RIETI - “Zona rossa” nell'area compresa tra i Comuni di Cittaducale, Antrodoco, Borgo Velino, Micigliano e Castel Sant'Angelo al fine di prevenire il diffondersi del contagio della peste suina africana.

La decisione verrà formalizzata domani mattina, al termine della riunione operativa che si terra in Prefettura, a Rieti, con emissari del ministero della Salute, Regione Lazio, Asl di Rieti e sidnaci interessati dal provvedimento, coordinati tutti dal commissario per l'emergenza peste suina, Angelo Ferrari. La riunione dovrà, in concreto, decidere come coordinare le “battute di ricerca”, le aree dove concentrarle, gli uomini che vi faranno parte e il ruolo dei singoli comuni.

Nella riunione si deciderà inoltre di estendere una sorta di “sorveglianza attiva” anche ina ree dei comuni di Rieti, Petrella Salto, Borbona e Posta. Da definire, inveece, i controlli nel resto dell provincia.

Ma anche se la decisione verrà formalizzata domani, la volontà di istituire la “zona rossa” è già emersa ed è stata dichiarata con chiarezza nella riunione di questa mattina, svoltasi on line, tra rappresentanti del ministero della Salute, Regione Lazio e Asl di Rieti.

Il tutto nasce, ricordiamo, dalla scoperta di un cinghiale infetto sulla Salaria, nella zona di Borgo Velino, investito da un Tir.

© RIPRODUZIONE RISERVATA