Kienergia esce a testa alta dalla Supercoppa. Ceccarelli: «Peccato, ma c'è voglia di lottare». Martini: «Bella figura»

Edoardo Timperi durante la semifinale contro Cividale (foto Ciamillo-Castoria)
di Lorenzo Santilli
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Settembre 2021, 22:43

RIETI - Esce di scena la Kienergia Rieti, in finale volano i padroni di casa della Gesteco Cividale. Stanchezza e pessime percentuali condannano Broglia e compagni, ma lo spirito è quello giusto: squadra che ha già assorbito i concetti del tecnico riminese.

Bicchiere  mezzo pieno dunque per coach Ceccarelli: «Peccato, è la parola che utilizzo oggi. Siamo andati vicino alla rimonta, siamo andati avanti con il naso, ma poi la forza fisica e la qualità di una squadra come Cividale che ha vinto meritatamente, è venuta fuori - spiega Ceccarelli - Cosa ci portiamo dietro? La voglia di soffrire insieme, di rimontare contro una delle squadre più forti del campionato. Torniamo a Rieti consapevoli dei nostri mezzi, i ragazzi sono stati encomiabili, ora testa al campionato».

Non fa drammi neanche il gm Gianluca Martini: «Complimenti a Cividale che ha meritato la vittoria ma i complimenti li faccio anche ai nostri ragazzi. Non era facile e ci hannno provato. C'è sicuramente dispiacere ma anche consapevolezza di aver fatto una bella figura nel complesso. Peccato perchè abbiamo sbagliato tanto e non abbiamo tirato con le nostre solite percentuali. Ora testa bassa, ci tuffiamo sul campionato che inizia tra una settimana con delle indicazioni positive che ci riportiamo da questa bella manifestazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA