Nella scuola di Borgo Quinzio area verde progettata e riqualificata dagli studenti dell'Aldo Moro

Scuola Aldo Moro
di Raffaella Di Claudio
2 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Gennaio 2022, 21:02

RIETI - A scuola nel territorio e per il territorio. Potrebbe essere questo il motto della nuova sfida accolta dagli studenti dell’istituto superiore Aldo Moro di Passo Corese che frequentano il quinto anno dell’indirizzo agrario. Hanno progettato e riqualificheranno lo spazio esterno di uno dei plessi dell’istituto comprensivo di Fara Sabina: quello di Borgo Quinzio. Metteranno le competenze maturate in questi anni di formazione a servizio della comunità lavorando in sinergia con insegnanti e alunni della scuola al fine di valorizzarla con uno spazio verde completamente ripensato e fruibile.

Il progetto, già messo a punto e che si concretizzerà nei prossimi mesi, è il frutto di un percorso di studi che nel tempo si è rinnovato e il prossimo anno vedrà l’uscita dei primi diplomati del corso “Agricoltura, sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane".

I ragazzi che completeranno gli studi e quelli che entreranno saranno professionisti dell’agricoltura: tecnici pronti a operare su tutta la filiera agroalimentare, partendo dalla coltivazione e dall'allevamento, per arrivare al controllo qualità, muovendosi lungo il binario di una formazione continua che dalla scuola superiore conduce sia al lavoro sia ai corsi universitari.

Ciò permette agli studenti di “imparare facendo”, concentrandosi sul futuro dell’agricoltura: ovvero agricoltura biologica, logistica e marketing, e l'analisi chimica degli alimenti. Discipline che a Fara Sabina, terra di olio e ora anche di logistica (anche quella agro – alimentare) trovano, per restare in tema, terreno fertile per germogliare. Servono esperti in sicurezza alimentare e un’agricoltura sostenibile e l’istituto “Aldo Moro”, puntando su teoria e laboratori, è pronto ad offrirli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA