Rieti, a Limiti di Greccio la prima festa di piazza post Covid

Mercoledì 8 Luglio 2020 di Daniela Melone
RIETI - Limiti di Greccio si prepara a festeggiare S. Antonio di Padova. Per molte famiglie e gruppi di amici sarà la prima occasione per ritrovarsi insieme, nella prima festa in piazza post Covid. Dal 9 al 12 luglio la Pia Unione Sant’Antonio di Padova e la parrocchia S. Maria di Loreto hanno messo in piedi una tre giorni di programma religioso e civile.  

Gli organizzatori hanno lavorato intensamente per rispettare le normative e i provvedimenti sull’emergenza coronavirus. Per l’ingresso in chiesa e in piazza Giovanni Paolo II sarà obbligatorio indossare la mascherina. Ci saranno due ingressi, nei quali sarà misurata la temperatura corporea, sarà necessario sanificare le mani e registrare la presenza di ognuno dei partecipanti, con tanto di rispetto per la normativa sulla privacy. 500 i posti a sedere, tutti distanziati, mentre non ci sarà lo stand gastronomico. Al punto medico sanitario, fondamentale la presenza del medico insieme a sei volontari della Croce Rossa.

Ci sarà anche l’ambulanza e la squadra antincendio con autobotte della protezione civile di Greccio, mentre il servizio security sarà garantito dall’ Associazione Nazionale Carabinieri di Fara Sabina. L’ingresso è gratuito.

Il programma religioso prevede giovedì 9 luglio alle 12 l’esposizione della statua del Santo. Comincia poi alle 17.30 la recita del rosario e a seguire il triduo in preparazione alla festa, con la benedizione del pane. Venerdì alle 17.30 l’Adorazione Eucaristica, alle 18 la messa solenne celebrata dal vescovo di Rieti Domenico Pompili. Domenica la santa messa sarà celebrata alle 8.30, alle 11.30 e alle 18.

Il programma civile prevede sabato e domenica alle 20.30 l’apertura dei varchi d’ingresso alla piazza con il successivo accompagnamento guidato ai posti a sedere. Sabato alle 21.30 il concerto dell’orchestra spettacolo Una Tantum e lo spettacolo di cabaret con I sequestrattori.

Domenica, sempre alle 21.30 sarà invece la compagnia teatrale Sipario Rosso a presentare la commedia Pozzi Scoppà, due atti in vernacolo reatino di Alessio Angelucci.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA