Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Svuotano completamente un'abitazione durante la festa del paese, ingente il bottino

Svuotano completamente un'abitazione durante la festa del paese, ingente il bottino
di Emanuele Faraone
3 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 00:10

RIETI - Colpo a Casali di Poggio Nativo all’interno di un appartamento, adiacente alla piazza del paese, accanto alla chiesa di San Silvestro Papa, in quel momento – tra le 19.30 e le 22 di venerdì - gremita di persone. Ingente il bottino trafugato dai malviventi che hanno agito con una pesante mazza e un piede di porco di grandi dimensioni, riuscendo a procedere indisturbati e, soprattutto, senza essere visti, nonostante il passaggio lungo una parte della dimora completamente scoperta e ben visibile, e mentre erano in corso i festeggiamenti con tornei di calcetto, stand e un continuo viavai di persone e autovetture. Indagano i carabinieri del locale comando stazione che hanno effettuato rilievi fotografici e dattiloscopici dopo la denuncia presentata dai proprietari dello stabile che, non in casa al momento del furto, non hanno potuto fare altro che constatare quanto avvenuto una volta tornati. 

La dinamica. I ladri hanno raggiunto l’edificio di via Archipiglione dal retro, praticando un foro nella rete metallica di recinzione riuscendo così ad entrare nelle pertinenze della villetta nonostante la presenza dei cani. Una volta dentro si sono impossessati di una piccola scala a libretto sottratta dalla taverna per poi forzare la piccola finestra della stanza da bagno, per introdursi infine all’interno dell’appartamento senza troppe difficoltà. Coperti dal rumore e dal vociare dei festeggiamenti in paese, non sono stati uditi quando hanno divelto la cassaforte a suon di colpi di mazza e lavorando di leva con il grosso grimaldello. Entrambi gli arnesi da scasso sono stati poi rinvenuti abbandonati nell’abitazione dopo l’utilizzo. 

I ladri, prima di poter operare sulla cassaforte, hanno portato via le ante di un armadio. Una volta scardinata la porta della cassa di sicurezza familiare hanno poi rastrellato quanto vi era all’interno sottraendo un cospicuo bottino di preziosi, gioielli, oro e contanti. 

La fuga. I malviventi si sono poi allontanati attraversando di nuovo il tratto di scalinata dove potevano essere facilmente notati dalle numerose persone presenti in quel momento per poi dileguarsi dalla parte retrostante, dove erano entrati attraversando poi a piedi campi e piccole aree boscate facendo così perdere le proprie tracce. 

Allarme sociale. Un furto che ha destato un certo allarme nella zona per l’audacia e l’irriverente modalità con cui è stato consumato: all’interno di un’abitazione che si affaccia direttamente sulla piazza del paese e, soprattutto, messo a segno nonostante la presenza sul posto di moltissima gente e in piena luce del giorno. 

Avviate le indagini da parte dei militari dell’Arma che non escludono che, chi abbia agito in maniera così disinvolta, potesse essere a conoscenza degli spostamenti dei proprietari dell’abitazione e aver quindi pianificato con cura il blitz prima di agire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA