Il Real Rieti saluta i playoff, Pesaro
passeggia al PalaCesaroni per 6-1
in gara 3, Esposito: «Abbiamo dato
tutto, ci dispiace per i tifosi»

Venerdì 17 Maggio 2019 di Mattia Esposito
Cala il sipario sulla stagione del Real Rieti. Gli amarantocelesti salutano i playoff scudetto con la terza sconfitta in altrettante gare contro Pesaro, che si porta a casa la serie 3-0. Al PalaCesaroni comanda la truppa di Fulvio Colini, 
che dopo 2' indirizza subito la partita con il gol di Taborda, che porta avanti i suoi al PalaCesaroni di Genzano. Sembra di rileggere il copione di gara 2, con il Pesaro che affonda nella difesa del Real come una lama nel burro, o per meglio dire come Borruto, visto che il numero 10 ne fa tre prima dell'intervallo, forse facendo già calare il sipario sulla partita con il primo tempo che si chiude con un inequivocabile 4-0 in favore dei pesaresi. Come in gara 2 il Real inizia la ripresa con il portiere di movimento, e dopo neanche un minuto trova la zampata illusoria con Jeffe, che sigla il momentaneo 4-1. E' un fuoco di paglia, visto che Miarelli spegne l'entusiasmo con un paio di parate super e ancora Borruto approfitta di una palla persa e vola a porta sguarnita infilando il 5-1. Finisce qui la partita, con il Real che insiste inutilmente con il portiere di movimento e crolla ancora sul gol di Mancuso, che scrive la parola fine alla partita con il 6-1. Gli amarantocelesti salutano cosi la loro stagione e lo fanno in modo amaro, nonostante i circa 250 reatini arrivati fino a Genzano. Nessuna impresa dunque, con il Pesaro che con pieno merito si prende la finale scudetto. 

LE DICHIARAZIONI
Al termine della gara arrivano le parole del vice capitano e reatino Matteo Esposito, che ci mette la faccia: "Abbiamo dato tutto quello che avevamo, di certo non ci si può rimproverare la mancanza di impegno. Ci dispiace aver dato questa delusione ai tifosi che per tutta la stagione ci sono stati sempre vicini. E’ stata una serie dura, contro un
avversario strutturato e sicuramente lo sforzo profuso in gara 1 ha fatto la differenza in negativo, vincendo
quella potevamo forse svoltare la serie”.

IL TABELLINO 

Pandolfi, Abdala, Aquilini, Rafinha. Allenatore: Festuccia.
ITALSERVICE PESARO: Miarelli, Salas, Borruto, Canal, Taborda, Johns, Del Grosso, Tonidandel, Fortini, Honorio, Polidori, Mateus, Borea, Mancuso. Allenatore: Colini.
ARBITRI: Di Guilmi di Vasto, Caracozzi di Foggia, Iannuzzi di Roma 1.
CRONO: Carradori di Roma 1.
RETI: 1’55” Taborda, 9’45”, 11’24”, 18’27” e 14’53”st  Borruto, 0’43”st Jeffe,
NOTE: spettatori 700 circa. Ammoniti: Jefferson, Abdala, Esposito (RR).
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Voti e pagelle, famiglie in tilt: «Ma con 5,78 passi lo stesso?»

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma