Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La nuova giunta Sinibaldi, ecco le ipotesi intorno alle quali si lavora

La nuova giunta Sinibaldi, ecco le ipotesi intorno alle quali si lavora
di Raffaella Di Claudio
3 Minuti di Lettura
Sabato 18 Giugno 2022, 01:54

RIETI - I numeri definitivi delle preferenze ottenute dai 32 eletti nel consiglio comunale di Rieti hanno fatto penare a lungo, anche troppo e in maniera incomprensibile. Ma intano gli scenari della futura giunta Sinibaldi si sono già tratteggiati. Abbozzati grazie a ipotesi e riflessioni ampiamente in corso, dentro e fuori dal Palazzo di Città. Una sorta di “Fantacomune”, come tale, ancora molto virtuale. 

Il numero. La legge, essendo Rieti capoluogo di provincia, prevede che, nell’esecutivo, ad affiancare il sindaco Daniele Sinibaldi possano esserci fino a 9 assessori, di cui non meno di quattro donne. Nella passata legislatura, il sindaco Cicchetti decise di occupare solo otto postazioni, ma i nuovi equilibri emersi dalle urne potrebbero spingere il neo primo cittadino a sfruttare ogni casella. Il partito del sindaco, Fratelli d’Italia, ha esibito la performance migliore, eleggendo sei consiglieri e, in questo caso, gli assessorati dovrebbero andare senza troppe difficoltà a primi due eletti della lista: Giovanni Rositani e Claudia Chiarinelli, già consigliera provinciale. Il terzo assessorato ad oggi non sembra contemplato. Come Fratelli d’Italia di Rieti ha seguito l’onda positiva che sta caratterizzando in tutta Italia l’ascesa del partito della Meloni, la Lega, al pari di quanto avviene nel resto del Paese, non è riuscita a stupire con effetti speciali.

Tra i cinque eletti, la vera sorpresa è rappresentata dalla giovanissima Giorgia Broccoletti, 24 anni, il cui esordio in politica colpisce per il bottino di preferenze, nonostante il digiuno politico, tanto che potrebbe diventare capogruppo di maggioranza o, spinta dalla necessità di rispettare le quote rosa, addirittura farle guadagnare un posto in giunta. Ma il Carroccio dovrebbe esprimere con più certezza due uomini: Giovanni Grillo e Oreste De Santis. Forza Italia è riuscita a piazzare tre consiglieri, tra cui l’ex assessore ai Servizi sociali Giovanna Palomba, la quale potrebbe, senza fatica, riuscire a far parte anche di questo esecutivo. 

Le liste civiche. Aprendo il capitolo delle liste civiche, i risultati migliori sono da attribuire ad Agire, civica sì, ma pure legata a doppio filo con il sindaco. Qui ad aver la strada spianata per l’ingresso in giunta è l’avvocato Chiara Mestichelli, membro del consiglio dell’ordine degli avvocati di Rieti. Tiepida la performance della lista civica #IoCiSto dove l’ex assessore Antonio Emili, unico eletto, con ogni probabilità non bisserà l’esperienza assessorile e, la volontà dell’attuale amministrazione di istituire l’assessorato allo Sport, potrebbe spingere verso la chiamata dall’esterno di Roberto Donati, già delegato alla stessa materia, e rimasto fuori dal consiglio. A meno che Sinibaldi non decida di far rientrare Letizia Rosati alla Cultura.

Odor di assessorato pure per Andrea Sebastiani di Moderati per Rieti. Stando ancora nell’ambito delle primissime ipotesi, invece, Luigi Gerbino  di Rieti al centro potrebbe andare a ricoprire il ruolo di presidente del consiglio, per il quale, però, circola anche il nome di Claudio Valentini

© RIPRODUZIONE RISERVATA