Da Genova a... Genova, 6mila km
in 259 giorni, passando anche
per Rieti in nome dell'Aism:
per Togni, missione compiuta. Foto

Sabato 30 Novembre 2019 di Marco Ferroni

RIETI - Vi ricordate Marco "Osky" Togni, il Forrest Gump genovese partito lo scorso 17 marzo da via Fillak a due passi di ciò che rimaneva del Ponte Morandi per un viaggio, rigorosamente a piedi, tra le 18 regioni della Penisola, che il 6 maggio fece tappa pure a Rieti?! Ebbene, la sua missione in favore e a sostegno dell'Aism (Sclerosi multipla), del quale è volontario, si è conclusa poco fa con l'arrivo, dopo 259 giorni e poco più di 6mila chilometri percorsi (6004 per l'esattezza).
 

 

Una camminata infinita, una sorta di "marcia della solidarietà" pensata, studiata e soprattutto messa in pratica dedicata alle persone che non possono muoversi, ma anche a quelle che, fiaccate dall'avanzare della sclerosi multipla, ti costringono o sulla sedia a rotelle o a una vita comunque problematica sotto l'aspetto motorio. Ricevuto dalle varie sezioni Aism sparse su tutto il territorio nazionale, anche a Rieti Marco Togni ha trovato la giusta accoglienza presso la sala consiliare del Comune dove ad aspettarlo - al suo secondo passaggio in città - c'era l'assessore all'Innovazione Tecnologica, Elisa Masotti, Tiziana De Santis presidente della sezione provinciale Aism di Rieti e i tanti volontari dell'associazione stessa, che dopo un breve saluto e la foto di rito insieme agli "Angeli in Moto" di Montebuono, lo hanno accompagnato a piazza San Rufo, centro geografico di quella stessa Italia che "Osky" (lo pseudonimo scelto) aveva deciso di percorrere da capo a piedi mettendo per un attimo da parte la sua professione di ingegnere per parlare di diritti e di inclusione sociale oltre che per lottare contro ogni forma di discriminazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani