Rieti, sicurezza a Fara: presentato
il nuovo sistema di videosorveglianza
43 telecamere attivate sul territorio

Mercoledì 30 Marzo 2016 di Raffaella Di Claudio
Un momento della conferenza stampa sulla sicurezza
FARA SABINA - La sicurezza a Fara Sabina fa rima con videosorveglianza.
E' stato presentato questa mattina, nella conferenza stampa promossa dal Comune di Fara Sabina, alla presenza del sindaco Davide Basilicata, dell’assessore all’Innovazione tecnologica, Marco Marinangeli, dei rappresentati della polizia locale e del rappresentante della Belfiore lavori, ditta che ha realizzato l’impianto, il nuovo sistema di videosorveglianza comunale. Un sistema che, a detta dell’amministrazione comunale, si presenta “più ampio e funzionale rispetto al 2011”.

“Dalle sei postazioni presenti nel 2011, solo a Passo Corese – ha dichiarato il sindaco Davide Basilicata - siamo passati oggi ad avere 30 postazioni per 43 occhi elettronici di ultima generazione, attive giorno e notte, su tutti i punti sensibili del nostro territorio: dalle scuole alle piazze, dagli svincoli stradali ad alta frequentazione fino alle zone a rischio incendio”.

“Il sistema – ha aggiunto l’assessore Marinangeli – approvato dal comitato per l’ordine e la sicurezza della Prefettura di Rieti che ne ha elogiato la funzionalità, è il più grande, attivo sul territorio provinciale ed è già predisposto ad un’ulteriore ampliamento già nel 2016”.

IL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA
Il nuovo impianto di videosorveglianza è stato realizzato con un investimento di 145mila euro (90mila euro di fondi comunali e 55mila comunali). Sono state installate 25 telecamere a Passo Corese, 6 a Corese Terra, 4 a Fara, 4 a Prime Case, 2 a Talocci, 1 a Canneto e 1 a Borgo Quinzio. Entro il 2016 saranno installate a Coltodino (piazza della Macina), Corese Terra (piazza Santa Maria, largo dei Quiriti, parco giochi), Passo Corese (piazza Salvo D’Acquisto, dove quella esistente sarà sostituita da altre 3). Tutte le telecamere hanno la visione notturna anche in assenza di illuminazione stradale (infrarossi), possono leggere le targhe dei veicoli, e tre sono caratterizzate dalla visione a 360 gradi.

LA SICUREZZA SUL TERRITORIO
Tutto rientra nel progetto più ampio di implementare la sicurezza sul territorio. “Siamo convinti – ha continuato il sindaco – che Fara oggi sia una città più sicura e questo fa sì che tutti gli aspetti della vita sociale possano svilupparsi in modo più certo. Per far questo abbiamo sempre cercato di migliorare le condizioni lavorative del corpo di polizia locale che ringraziamo per il lavoro svolto in sinergia con le altre forze dell’ordine e le associazioni del territorio. Sempre nella direzione della sicurezza, in particolare stradale, vanno poi l’installazione delle colonnine speed-check nei tratti di strada più pericolosi, i progetti di educazione stradale nelle scuole primarie,il collegamento virtuale tra la banca dati comunale e le stazioni dei carabinieri e la realizzazione di numerosi attraversamenti pedonali rialzati”. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma