Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, positiva al test la donna cinese ricoverata allo Spallanzani: è il primo caso in provincia, dove salgono a dodici le persone in isolamento

Analisi
di Raffaella Di Claudio
2 Minuti di Lettura
Sabato 7 Marzo 2020, 12:07 - Ultimo aggiornamento: 15:21

RIETI - E' risultata positiva anche al secondo test la donna cinese, residente a Passo Corese attualmente ricoverata allo Spallanzani. Si tratta del primo caso accertato nel Reatino. In isolamento, oltre al marito e al figlio anche altri due familiari che con lei hanno avuto contatti.  In isolamento volontario domiciliare, inoltre, anche il medico di base e la sua famiglia che ha visitato la donna cinese, residente a Passo Corese attualmente ricoverata allo Spallanzani e sottoposta al tampone faringeo per riscontrare l’eventuale positività al Covid-19.

Con i quattro dipendenti della Orsolini di Rieti sono in tutto dodici le persone in isolamento domiciliare. Sono tutti asintomaticie e tenuto sotto stretta osservazione dal Servizio di Igiene e sanità pubblica diretto dal dottor Pietro Dionette, che è in costante contatto telefonico con loro, al pari di quanto accade con gli altri cittadini isolati.

I MEDICI DI FAMIGLIA
Le indicazione dei medici di famiglia. "Chiunque abbia necessita di cure mediche deve necessariamente osservare tale protocollo: se affetto da febbre o sintomi respiratori deve  dapprima chiamare telefonicamente il proprio medico di famiglia; la presenza all'interno dello studio medico deve avvenire rispettando in modo assoluto le indicazione del dcereto legge Ministeriale:

“distanza tra le persone, accesso allo studio medico solo per estrema necessità,
alle persone giovani è consigliato rimanere fuori dalla sala di attesa ed entrare in modo graduale per la ripetizione prescrittiva delle  terapie croniche si deve telefonare allo studio e concordare con il proprio medico la modalità di ricezione delle stesse".

© RIPRODUZIONE RISERVATA