Comunali 2022, il caso della doppia candidatura di Miccadei che dice: ma io non ho ancora scelto

Comunali 2022, il caso della doppia candidatura di Miccadei che dice: ma io non ho ancora scelto
di Giacomo Cavoli
3 Minuti di Lettura
Domenica 17 Aprile 2022, 00:10 - Ultimo aggiornamento: 12:06

RIETI - Da consigliere comunale attualmente in carica al Comune di Greccio alla possibile candidatura per un’analoga posizione nel consiglio comunale di Rieti? Sì, ma soltanto a patto di rinunciare al suo attuale mandato nel paese del presepe di San Francesco, pena l’esclusione automatica della candidatura da parte della Prefettura di Rieti. E’ il curioso caso del consigliere di minoranza in seno all’assise del Comune di Greccio, Simone Miccadei, esponente provinciale di Italia viva e che in queste settimane di rovente campagna elettorale reatina si è gettato nella mischia con i primi manifesti affissi in città per annunciare la sua candidatura come consigliere per la lista civica “Rieti al Centro”, in appoggio al candidato sindaco Daniele Sinibaldi.

La scelta. Membro del Partito democratico europeo e coordinatore cittadino a Rieti di Italia Viva, la candidatura di Miccadei ha suscitato curiosità all’interno del mondo politico reatino, considerato l’articolo 65 del Testo unico degli enti locali, dove si stabilisce che un consigliere comunale già eletto non possa rivestire un ruolo analogo in un altro Comune. Miccadei, però, è pronto a parare il colpo: «Prima di proporre la mia candidatura abbiamo studiato la normativa, che peraltro non è di facile interpretazione, e ci siamo accorti che è diventata persino più stringente rispetto al passato, quando le dimissioni da consigliere sarebbero state obbligate soltanto nel momento in cui si fosse stati eletti in un altro Comune – spiega il consigliere di Greccio – Stavolta, invece, per decidere avrò tempo ancora poco meno di un mese, fino a poco prima della chiusura delle liste che avverrà il 14 maggio. A quel punto, se deciderò di confermare la mia candidatura a Rieti, allora non potrò più rivestire il ruolo di consigliere comunale a Greccio: quindi, già un mese prima delle elezioni del 12 giugno». 

Consigliere di maggioranza della giunta Petrangeli dal 2012 fino agli ultimi sei mesi prima della tornata elettorale del 2017, quando i dissidi con il centrosinistra lo portarono a transitare all’interno del Gruppo Misto («In quel momento avevo in mente un altro progetto politico»), Miccadei è poi approdato nella minoranza del Comune di Greccio guidato da Emiliano Fabi, dopo le elezioni del 2019. Originario di Greccio, la sua decisione di candidarsi a Rieti «fa parte del progetto politico che stiamo portando avanti insieme al coordinatore politico di Greccio, Alessio Fabi. E’ una scelta che potrebbe essere fatta anche in favore di “Greccio 2023” (le celebrazioni per gli 800 anni del presepe, ndr) poiché il Comune di Rieti fa parte del comitato e, dunque, si potrebbe incidere maggiormente a favore delle scelte che si stanno operando per i festeggiamenti».

In caso di conferma della candidatura a Rieti il prossimo 14 maggio, a Greccio sarà già pronta la sua sostituzione in surroga disciplinata dal Testo unico enti locali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA