Nuovo centro commerciale all'ex
Zuccherificio? I Cinque Stelle
di Rieti dicono no: lo si utilizzi
piuttosto per fare un polo didattico

Giovedì 21 Giugno 2018
RIETI - Nuovo centro commerciale all'ex Zuccherificio? Il MoVimento 5 stelle di Rieti è assolutamente contrario.
Lo si spiega in una nota nella quale si argomenta che «anche in considerazione del fatto che l’area è l’unica tra i siti ex industriali in cui si sono già concluse le attività di bonifica e che sono disponibili ingenti finanziamenti pubblici per l’adeguamento sismico e la ricostruzione degli edifici scolastici, pensiamo debba essere destinata ad un nuovo polo didattico, in continuità con quello esistente di via Palmiro Togliatti e con l’ambizione di progettare da subito un nuovo modello integrato di mobilità sostenibile in quello che è il cuore nevralgico della città«.

«Nella commissione lavori pubblici dello scorso venerdì ho invece assistito - dice il consigliere comunale Lodovica Rando - all’illustrazione, da parte della Coop Centro Italia, dello stesso progetto di riqualificazione già oggetto di proposta di programma integrato d’intervento nel 2011. Come noto - prosegue - su quell'area insistono ben tre vincoli ma, al di là di ciò, il progetto presentato da coop necessiterebbe di alcune varianti al piano regolatore che andrebbero sottoposte a Valutazione ambientale strategica (Vas) che potrebbe addirittura portare a prediligere “l’opzione zero” piuttosto che una soluzione poco sostenibile per l’economia della città, ovviamente purché si mantenga in maniera decorosa l’area.

Ma vogliamo pensare che l’attuale amministrazione abbia a cuore le sorti della propria città e desideri operare una riqualificazione che tenga conto, con uno sguardo d'insieme, delle reali necessità della città e delle sue aspirazioni.

Ci auguriamo quindi che si valutino tutte le conseguenze che comporterebbe aprire un nuovo, grande, centro commerciale a Rieti. Conseguenze, a mio parere - conclude Lodovica Rando - particolarmente pesanti nei confronti dei piccoli esercenti ma anche dei tanti centri commerciali già presenti in città in misura quantificata da molti come sproporzionata rispetto alla popolazione residente. Tra lasciare il tutto così come si trova e fare qualcosa è normale istintivamente propendere per il fare, ma questo fare deve essere attentamente valutato al fine di evitare di stravolgere l'economia di una città già pesantemente provata». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chi tira tardi per spiare i cellulari

dei figli, con l’incognita password

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma