Rieti, a Cittaducale la cerimonia
del conferimento della bandiera
alla Scuola Forestale Carabinieri

Mercoledì 18 Ottobre 2017
Un momento della cerimonia
RIETI - Ieri, martedì 17 ottobre nella Sede Scuola Forestale Carabinieri di Cittaducale, ha avuto luogo la Cerimonia di ritiro e custodia della Bandiera del Corpo forestale dello Stato al Museo delle Armi dell’istituto di formazione e il Conferimento della Bandiera d’Istituto alla Scuola Forestale Carabinieri di Cittaducale.

Presenti il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Tullio Del Sette, il Comandante delle Scuole dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Luigi Longobardi, il Comandate Unità Forestale, Ambientale e Agroalimentare Carabinieri (C.U.F.A.A.), Generale di Corpo d’Armata Antonio Ricciardi ed il Vice Comandante delle Scuole dell’Arma dei Carabinieri ed Ispettore Scuole, Generale di Divisione Carmelo Burgio, il Prefetto di Rieti e altre autorità civili, religiose e militari.

Nel chiostro dedicato a Panfilo di Gregorio (Medaglia d’oro al Valor Militare), dopo gli onori ai caduti, il Comandante della Scuola, Generale di Brigata Umberto D’Autilia, ha sottolineato come la cerimonia odierna sia un momento solenne che accomuna quanti si riconoscono negli alti valori militari: rendere onore alla Bandiera, la Bandiera della Repubblica, il tricolore Italiano.

«Il Decreto Interministeriale del 6 Aprile 2017 – le sue parole - ha determinato il ritiro della Bandiera del Corpo forestale e ne ha affidato la custodia a questo antico Istituto di Formazione. Oggi ricordiamo la nascita dell’Amministrazione Forestale, avvenuta il 15 Ottobre del 1822, con la promulgazione delle patenti Regie di Carlo Felice. Da lì in poi è iniziato un cammino che spesso ha visto Forestali e Carabinieri vicini, alcune volte insieme, ora fusi in un tutt’uno, sempre al servizio della Comunità. Ci è stata consegnata la Bandiera d’Istituto conferita dal Presidente della Repubblica con Decreto del 23 agosto - ha continuato il Comandante D’Autilia – ed insieme ai miei uomini giureremo di difenderne ed onorarne i valori e le virtù. Sarà un momento che rimarrà indelebile nei nostri cuori perché rinnova due degli ideali irrinunciabili per chi si è riconosciuto e riconosce nel servizio per gli altri: il coraggio e il sacrificio, vissuti con orgoglio perché è in questo luogo, ricco di significati, li abbiamo celebrato con la consapevolezza che ciò che siamo ha un futuro e questo alto riconoscimento diventa quindi per noi impegno».

Poi l’intervento del Comandante delle Scuole dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Luigi Longobardi: «In questa circostanza mi piace ricordare la concomitanza con la quale insieme al Corpo forestale dello Stato nel 1822, nasceva la Scuola Allievi Carabinieri, con l’istituzione in Torino di un Deposito di Reclutamento. Dopo un lungo cammino ci ritroviamo coesi al servizio della comunità, e la gloriosa Bandiera del Corpo forestale dello Stato, custodita in questo Istituto di formazione consentirà a tutti, in perenne ricordo delle glorie del passato, di prenderne conoscenza, renderle omaggio e financo attribuirgli un sentimento di riconoscenza. Tutto ciò a dimostrazione dell’esistenza all’interno dell’Arma dei Carabinieri del duplice processo di conservazione delle tradizioni e del rinnovamento continuo dell’Arma stessa, che pur mantenendo inalterati nel tempo i suoi valori e ideali, si rinnova per raggiungere sempre nuovi obiettivi ed assolvere al meglio i propri compiti operando oggi anche per la difesa del patrimonio forestale, del paesaggio e dell’ecosistema, fino a creare la più grande Polizia Ambientale d’Europa e forse del mondo».

Ha infine preso la parola il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, che ha voluto sottolineare la solennità di un momento storico, la consegna della pluridecorata Bandiera del Corpo forestale dello Stato al Museo della Scuola Forestale Carabinieri di Cittaducale. «Una cerimonia fortemente emozionante – ha detto il Comandate Generale – voluta qui, perché è qui, in questo edificio storico e significativo per la funzione forestale, che devono essere conservate, attraverso la Bandiera, le memorie più importanti, quelle che custodiscono il valore, la tradizione e la storia del glorioso Corpo forestale dello Stato, la cui nascita ho voluto ricordare con l’ordine del giorno del 15 ottobre 2017, nel quale ho salutato e accomunato tutti i Carabinieri d’Italia. Una memoria che si arricchisce del sacrificio di coloro che si sono coperti di gloria nel loro servizio di Istituto e che vogliamo ricordare compartecipando all’emozione espressa dai loro famigliari. Noi abbiamo preso degli impegni e stiamo lavorando alacremente all’assolvimento di questi impegni – ha aggiunto il Comandate Generale – la legge ha voluto che l’Arma dei Carabinieri svolgesse i compiti già attribuiti al Corpo forestale dello Stato salvaguardando le specializzazioni, le professionalità, e questo stiamo facendo concretamente. Qui ci sono i primi Allievi Carabinieri specializzati forestali che presto raggiungeranno le loro sedi di lavoro, le stazioni, i presidi di base, andando a rinforzare i presidi più carenti e aprendone di nuovi. Poi toccherà anche agli Allievi Marescialli qui presenti, ricoprire incarichi volti ad assicurare la funzionalità di tali presidi. In questa Scuola, avete avuto la possibilità di ricevere una formazione adeguata da coloro che per tanti anni, hanno svolto con efficienza ed efficacia, i compiti istituzionali di difesa del patrimonio forestale, del paesaggio e dell’ecosistema, grazie alla passione e alla preparazione tecnico-scientifica unanimemente riconosciute ai suoi appartenenti, arricchendo i fondamenti dell’Arma con quelli prettamente concernenti la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare, siete quindi un patrimonio unico della nostra Istituzione e delle Istituzioni in generale. Una struttura preziosa la Scuola Forestale Carabinieri di Cittaducale – ha concluso il Comandante Generale - che grazie al proficuo lavoro svolto dal suo Comandante e da tutto il personale continuerà ad essere sostenuta e valorizzata per creare le sinergie necessarie affinché le due culture si uniscano per il benessere della comunità e delle generazioni future».

All’interno della cerimonia è stato conferito un riconoscimento alla Madrina Signora Svevia Ferrante, vedova del Brigadiere Felice Cottignoli (Medaglia d’oro al Merito Civile) e testimonianza ideale di quanti hanno servito, fino al massimo sacrificio l’Istituzione.

Presso l’Aula Magna è stato poi proiettato un filmato inerente l’attività della Scuola Forestale Carabinieri dalle sue origini ai giorni nostri.

La cerimonia si è conclusa con la partenza del Comandante Generale per Roma. Ultimo aggiornamento: 12:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti