Suore trattate da sguattere in casa di cardinali e vescovi: l'Osservatore Romano solleva il caso

di Franca Giansoldati
Città del Vaticano - L’Osservatore Romano scoperchia la realtà nascosta di tante suore che lavorano come sguattere nelle case di preti, vescovi e cardinali. Tante disparità, troppe disuguaglianze anche nel mondo della Chiesa. In una inchiesta in cui sono stati prudentemente omessi i nomi delle protagoniste, il giornale della Santa Sede ha dato conto di situazioni di disagio in cui tante religiose – spesso laureate e con anni di teologia alle spalle – sono costrette sopportare tanto in Vaticano come altrove.  Lavoro domestico poco riconosciuto. «Alcune di loro, impiegate al servizio di uomini di Chiesa, si alzano all’alba per preparare la colazione e vanno a dormire una volta che la cena è stata servita, la casa riordinata, la biancheria lavata e stirata. In questo tipo di “servizio” le suore non hanno un orario preciso e regolamentato, come i laici, e la loro retribuzione è aleatoria, spesso molto modesta».

Ma a rattristare, racconta l’Osservatore, è osservare che le suore-colf a volte nemmeno sono invitate a sedere alla tavola che servono. Una suora dietro anonimato si chiede: «Un ecclesiastico pensa di farsi servire un pasto dalla sua suora e poi di lasciarla mangiare sola in cucina una volta che è stato servito? È normale per un consacrato essere servito in questo modo da un’altra consacrata? E sapendo che le persone consacrate destinate ai lavori domestici sono quasi sempre donne, religiose? La nostra consacrazione non è uguale alla loro?».

Anche se alcune di loro provano una certa ribellione interiore, le suore colf, un esercito piuttosto numeroso, hanno paura di parlare perché dietro a tutto ci possono essere storie molto complesse. Nel caso di suore straniere venute dall’Africa, dall’Asia e dall’America latina, spesso, ha spiegato l’Osservatore Romano, ci sono cure mediche o studi pagati a componenti della famiglia della suora. «Alcune dicono di essere felici, non vedono il problema, ma provano comunque una forte tensione interiore. Simili meccanismi non sono sani e certe suore arrivano, in alcuni casi, ad assumere ansiolitici per sopportare questa situazione di frustrazione».
Giovedì 1 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 03-03-2018 10:48

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 35 commenti presenti
2018-03-02 18:56:20
Povere suore con chi hanno a che fare Comunque non e' da oggi che esiste questi sorprusi commessi dal clero a qualsiasi gerarchia Eppure li senti parlare ,sembrano tutti buoni ,caritatevoli, amorosi verso il prossimo Se tra loro non ce rispetto figuriamoci verso gli altri Cardinali,vescovi, monsignori e tutto il clero ma chi siete in verita' se non ricchi ,viziati ,privilegiati con ricche dimore e lauti stipendi in virtu' di una fede che voi stessi non applicate ,tutt'altro, lusso , bella vita e parole ,parole dette per mestiere in quando siete dei mestieranti di fede
2018-03-02 18:55:38
Povere suore con chi hanno a che fare Comunque non e' da oggi che esiste questi sorprusi commessi dal clero a qualsiasi gerarchia Eppure li senti parlare ,sembrano tutti buoni ,caritatevoli, amorosi verso il prossimo Se tra loro non ce rispetto figuriamoci verso gli altri Cardinali,vescovi, monsignori e tutto il clero ma chi siete in verita' se non ricchi ,viziati ,privilegiati con ricche dimore e lauti stipendi in virtu' di una fede che voi stessi non applicate ,tutt'altro, lusso , bella vita e parole ,parole dette per mestiere in quando siete dei mestieranti di fede
2018-03-02 17:19:20
@ Monache sguattere o inservienti senza orari al servizio di Alti Prelati o di religiosi di rango minore? per le monache sarebbe una doppia umiliazione sia come donne che come religiose. E' fin troppo chiaro che molti religiosi della chiesa cristiana non hanno ben capito il loro concetto di missionari della fede di umili tra gli umili e senza sfarzo. Chi tra i religiosi contraddice questo concetto ha poco di chiesa e molto di carrierismo per fini economici e di potere.
2018-03-02 16:58:32
E sempre stato cosi da secoli e secoli. Prima se una suora osava parlare veniva bruciata viva o chissa con quale atrocità venivano eliminate. Oggi queste cose non lo possono fare piú. Ma non vuole dire non lo vorebberò fare, e solo che non possono farlo piú. Io ho una zia madre superiora e conosco come funziona. Le suore devono giurare l'assoluta obbedienza al papa, ai cardinali e ai vescovi, altrimenti non possono farsi suore, e già questo dice tutto. Il mondo religioso e un mondo spaventoso dove non si sorride mai si deve sempre soffrire, "" lo dice Dio "" cosi dicono loro ! Sono le suore che devono soffrire non i preti, " i maschi non devono soffrire, non serve che soffrono, "" lo dice Dio " . I maschi sono i figli prediletti di Dio. Dio ha creato il figlio maschio con materie prime, la figlia femmina con un pezzo derivante del figlio maschio, nessuna mareria prima. Perché la donna e stata creata per soddisfare il maschio in tutto, dal sesso al lavamento dei piedi. E sé sofrrira per lui, Dio la ricompeserà con il paradiso. //Si può nascondere un pò di polvere sotto un tappeto certo, ma non si ci puó mettere una montagna certamente. Dio e stato creato dal maschio a sua immaggine (e non il contrario ) per dominare tutto e tutti, e sicuramente c'é riuscito. Il maschio a sempre voluto dominare su l'altro e a sempre studiato come fare e si e inventato di tutto per dominare questo mondo e il popolo che ci vive, e si é anche creato un dio. Saluti. (( io non ho scuola ascolta quello che ho sritto, e non guardare come lo sctitto. Metre tu eri a scuola io ero a lavorare. ))
2018-03-02 16:54:14
queste sono ancora fortunate, immaginate cosa abbiano dovuto subire in tempi passati.
35
  • 6,3 mila
QUICKMAP