Caso Viganò, il cardinale Wuerl sull'orlo delle dimissioni: ne parlerò con il Papa

Mercoledì 12 Settembre 2018 di Franca Giansoldati
3
Caso Viganò, il cardinale Wuerl sull'orlo delle dimissioni: ne parlerò con il Papa

Città del Vaticano - L’effetto del memoriale Viganò ha iniziato a produrre le prime dimissioni. L’arcivescovo di Washington, il cardinale Donald Wuerl, accusato di avere coperto l’ex cardinale abusatore McCarrick e per questo contestato dai fedeli persino in chiesa, domenica scorsa, al grido di «Vergogna dimettiti» ha inviato una lettera ai sacerdoti della sua diocesi affermando che presto discuterà con Papa Francesco della possibilità di sue dimissioni. Ufficialmente per motivi legati all’età, avendo già compiuto 75 anni. Di fatto perché criticato per la sua gestione del caso McCarrick.

LEGGI ANCHE ----> Per il Papa c'è l'ombra del demonio

Nella lettera il cardinale Wuerl scrive: «In discussione è ora come iniziare a portare in modo efficace un nuovo livello di risanamento per le vittime che hanno sofferto così tanto e per i fedeli affidati alle nostre cure che anche sono rimasti feriti dalla vergogna di queste terribili azioni ed hanno messo in discussione la capacità del loro vescovo di assicurare la necessaria leadership». «E’ chiaro che una decisione, più prima che poi, da parte mia è essenziale in modo che la nostra arcidiocesi che noi tutti amiamo possa andare avanti», prosegue la lettera.

Wuerl - che è già stato in Vaticano dopo la pubblicazione del rapporto sugli abusi compiuti in Pennsylvania, dove un grand jury ha ricostruito che a partire dal 1947, oltre 300 preti cattolici hanno abusato di oltre un migliaio di bambini -  afferma che intende «nel futuro molto prossimo andare a Roma per incontrare il Santo Padre
e discutere delle dimissioni che io ho presentato quasi tre anni fa» al compimento dei 75 anni.

Ultimo aggiornamento: 16:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Giovani gamer isolati in casa. E intanto la pasta scuoce

di Raffaella Troili