Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco benedice la nazionale tedesca: lo spirito di squadra fa miracoli e aiuta ad abbattere barriere

Papa Francesco benedice la nazionale tedesca: lo spirito di squadra fa miracoli e aiuta ad abbattere barriere
di Franca Giansoldati
2 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Novembre 2016, 11:15 - Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 08:35
Città del Vaticano - Il calcio, lo spirito di squadra, la disciplina agonistica possono fare miracoli. "In pratica possono contribuire alla costruzione di una società più giusta e solidale”. In Vaticano stamattina sono arrivati i super atleti della nazionale tedesca guidata dal capitano Neuer e dal presidente Grindel. “Sono lieto di salutare gli attuali campioni del mondo di calcio”. Sorrisi, battute, strette di mano. Il Papa si diverte sempre molto quando riceve le squadre di calcio, forse l'unico sport che segue con una certa dose di passione sin da quando era vescovo e tifava per il San Lorenzo.

Al di là del Tevere in questi anni ha accolto la Roma, la Lazio, la Juve, il Milan, la Sampdoria, ha incoraggiato diverse partite per la pace, ha scherzato con Maradona (“e' un fenomeno sono un suo super tifoso”) e non ha mancato di strizzare l'occhio al campionato amatoriale di squadre religiose che comprende la nazionale vaticana composta da prelati e dipendenti che lavorano alle Poste Vaticane, ai musei, alla gendarmeria, alla Radio, al Governatorato e alle Guardie Svizzere.

Ogni volta che Bergoglio riceve una squadra si sofferma a declinare le energie positive che scaturiscono dal mondo dello sport: i valori della solidarietà, dell'impegno, del sacrificio, della concordia. Insomma lo spirito di squadra che ha evocato anche stamattina. “Ho sentito spesso dire che le vostre vittorie sono vittorie di squadra. Per questo “la Mannschaft” è diventata una definizione comune del vostro gruppo. In effetti, lo sport agonistico richiede non soltanto tanta disciplina e sacrificio personale, ma anche rispetto per il prossimo e spirito di squadra. Ciò vi porta al successo come “Mannschaft” e vi porta nello stesso tempo a riconoscere la vostra responsabilità al di là del campo di calcio, soprattutto verso i giovani che spesso vi prendono come modello. E vi porta anche a impegnarvi insieme per alcuni importanti obiettivi sociali”. Il Papa spinge tanto sullo sport come veicolo di positività sociale per abbattere barriere che a volte “ sembrano invalicabili e penalizzano le persone bisognose ed emarginate”.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA