PAPA FRANCESCO

Papa Francesco va in Myanmar a difendere i Rohingya perseguitati perchè musulmani

Lunedì 28 Agosto 2017 di Franca Giansoldati
18

Città del Vaticano  Il Papa a novembre andrà in Myanmar, un Paese dove i cattolici sono solo l’1 per cento della popolazione ma dove la minoranza dei Rohingya, di fede islamica, da tempo è sottoposta ad una durissima azione repressiva da parte del governo. L’annuncio del viaggio papale è stato fatto stamattina a sorpresa, anticipando un po’ sui tempi previsti. Solo il giorno prima Francesco aveva lanciato un appello per stigmatizzare le azioni violente contro i Rohingya. Secondo alcune agenzie internazionali tre giorni fa l'esercito della ex Birmania, il Paese guidato dal Nobel della pace Aung San Suu Kyi, avrebbe fatto fuoco sui civili in fuga dai villaggi abitati dalla minoranza musulmana nel nord dello stato di Rakhine, sulla costa occidentale del Paese. I militari avrebbero utilizzato mortai e mitragliatrici nei pressi del valico di frontiera di Ghundhum, dove i civili erano intrappolati da venerdì a causa dei combattimenti in corso, cercando di trovare riparo in Bangladesh.

Il Myanmar si rifiuta di riconoscere a queste persone la cittadinanza così come gli altri paesi limitrofi, perché ritenuti «una minaccia per la razza e la religione». Una posizione condivisa anche dal Premio Nobel Aung San Suu Kyi che teme che al loro interno vi possano essere elementi legati al terrorism islamico. Di fatto da decenni i Rohingya sono vittime di politiche discriminatorie e di azioni violente da parte delle forze di sicurezza del Myanmar. Solo recentemente la comunità internazionale ha iniziato timidamente a denunciare un tentativo di pulizia etnica nel Paese.

Dopo aver ricordato le vittime delle alluvioni in Bangladesh e India del sud, il Papa ha ha detto: «Sono arrivate tristi notizie sulla persecuzione della minoranza religiosa i nostri fratelli Rohingya. Vorrei esprimere tutta la mia vicinanza a loro; e tutti noi chiediamo al Signore di salvarli e suscitare uomini e donne di buona volontà in loro aiuto, che diano loro i pieni diritti. Preghiamo anche per i fratelli Rohingya».

Papa Francesco si recherà in Myanmar dal 27 al 30 novembre prossimi e dal 30 novembre al 2 dicembre sarà in Bangladesh. In Myanmar il pontefice visiterà la città di Yangon e la nuova capitale Nay Pyi Taw.
diritto di cittadinanza. Da alcuni anni gruppi nazionalisti, con scontri e violenze, cercano di ricacciarli in Bangladesh, ma le autorità di Dhaka si rifiutano di accoglierli. Nei giorni scorsi gruppi armati di Rohingya hanno assaltato alcuni militari e poliziotti. In risposta l’esercito ha cacciato centinaia di Rohingya in Bangladesh, ma la polizia di frontiera del Paese li ha ricacciati indietro, sotto il fuoco dei militari birmani. Diverse decine sono stati uccisi.
 

Ultimo aggiornamento: 20:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Addio Peluche, gli appelli per aiutarlo finiti nel vuoto

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma