PAPA FRANCESCO

Il Papa: «L'Europa non è un insieme di regole. Contro i populismi ci vuole più solidarietà»

Venerdì 24 Marzo 2017 di Franca Giansoldati
15
Città del Vaticano - Troppe regole burocratiche, mancanza di solidarietà, scarsa capacità di ricordare il proprio passato, lontananza delle istituzioni dalla gente comune. L'Europa così non può andare avanti. Papa Bergoglio parla a cuore aperto davanti ai 27 leader europei ricevendoli nel Palazzo Apostolico alla vicilia del 60esimo anniversario dei Trattati di Roma. «A ciascuno desidero significare l’affetto che la Santa Sede nutre per i Vostri rispettivi Paesi e per l’Europa intera, ai cui destini è, per disposizione della Provvidenza, inscindibilmente legata».

Il Papa ha poi ringraziato in particolare il Presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni e il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani per le loro parole introduttive. «Santità siamo qui per ascoltare la sua voce». E così la voce di Papa Francesco si è subito levata alta per difendere i popoli, la gente comune, perchè sostanzialmente incapaci di trovare ascolto presso le istituzioni europee divenute, con il tempo, sorde ai bisogni delle persone. Un problema che ha generato distorsioni e problemi, tra cui i populismi. Il pontefice è convinto che con un surplus di generosità, spirito comunitario, solidarietà si dissiperebbero le spinte centripete.

Ventisette anni dopo la caduta del Muro di Berlino, l'Europa ha perso «la consapevolezza del dramma di famiglie separate, della poverta’ e della miseria che quella divisione provocò». Cosi’ «laddove generazioni ambivano a  veder cadere i segni di una forzata inimicizia, ora si discute  di come lasciare fuori i ’pericoli’ del nostro tempo: a partire  dalla lunga colonna di donne, uomini e bambini, in fuga da  guerra e poverta’, che chiedono solo la possibilita’ di un  avvenire per se’ e per i propri cari».

La forte denuncia viene consegnata ai 27 capi di Stato. «In un mondo che conosceva  bene il dramma di muri e divisioni, era ben chiara l’importanza di lavorare per un’Europa unita e aperta e la comune volontà di adoperarsi per rimuovere quell’innaturale barriera che dal  Mar Baltico all’Adriatico divideva il continente. Tanto si faticò per far cadere quel muro! Eppure oggi si è persa la  memoria della fatica», ha osservato il Papa rinnovando l’invito  a recuperare quello spirito di solidarieta’, «primo elemento  della vitalita’ europea», che per Francesco e’ «quanto mai  necessario oggi, davanti alle spinte centrifughe come pure alla  tentazione di ridurre gli ideali fondativi dell’Unione alle  necessita’ produttive, economiche e finanziarie». Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 12:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Piumino, t-shirt e calzini bassi, ma i ragazzi non hanno freddo?

di Raffaella Troili