PAPA FRANCESCO

La fede ai tempi di Internet, Papa Francesco dichiara guerra alle nuove eresie che si diffondono via web

Giovedì 1 Marzo 2018 di Franca Giansoldati
4
Città del Vaticano  - Al tempo di Internet la fede cristiana sembra correre rischi nuovi. La diffusione delle idee sbagliate - le eresie - ai tempi di internet fluiscono più rapidamente via web, e così Papa Francesco, tramite la Congregazione per la Fede, si attrezza e si prepara a fronteggiarle pubblicando un documento diretto ai vescovi di tutto il mondo.
 «Nei nostri tempi prolifera un neo pelagianesimo per cui 
l’individuo, radicalmente autonomo, pretende di salvare se 
stesso, senza riconoscere che egli dipende, nel più profondo 
del suo essere, da Dio e dagli altri. La salvezza si affida 
allora alle forze del singolo, oppure a delle strutture 
puramente umane, incapaci di accogliere la novità dello 
Spirito di Dio», denuncia l'ex Sant'Uffizio.



LEGGI ANCHE: Il Papa bacchetta i cattolici
 
Il documento se la prende anche con «un certo 
neo-gnosticismo», che, si legge nel testo, «presenta una 
salvezza meramente interiore, rinchiusa nel soggettivismo. Essa 
consiste nell’elevarsi con l’intelletto al di la’ della carne 
di Gesu’ verso i misteri della divinita’ ignota».  I teologi vaticani spiegano che «si pretende 
cosi’ di liberare la persona dal corpo e dal cosmo materiale, 
nei quali non si scoprono piu’ le tracce della mano provvidente 
del Creatore, ma si vede solo una realta’ priva di senso, 
aliena dall’identita’ ultima della persona, e manipolabile 
secondo gli interessi dell’uomo». La sintesi è che le eresie sono sempre in agguato. «Sia l’individualismo 
neo-pelagiano che il disprezzo neo-gnostico del corpo sfigurano 
la confessione di fede in Cristo, Salvatore unico e 
universale». Ultimo aggiornamento: 22:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare e lavorare, vita da nomade digitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma