Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Papa Francesco fa la radiografia alla Chiesa, soffre di attaccamento al denaro e clericalismo

Papa Francesco fa la radiografia alla Chiesa, soffre di attaccamento al denaro e clericalismo
di Franca Giansoldati
2 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Novembre 2016, 15:18 - Ultimo aggiornamento: 26 Novembre, 08:43

Città del Vaticano - Avidità, attaccamento al denaro, clericalismo sono i mali di cui soffre la Chiesa. La radiografia dello stato di salute del tessuto ecclesiale è stata fatta da Papa Francesco in un colloquio avvenuto qualche tempo fa a porte chiuse davanti allo stato maggiore dei Gesuiti. In quei giorni l’ordine fondato da sant’Ignazio da Loyola era impegnato nella Congregazione Generale e nell’elezione del superiore, il Papa Nero. Lo stenografico del colloquio è stato diffuso da padre Antonio Spadaro, direttore della Civiltà Cattolica. "Il clericalismo, che è uno dei mali più seri nella Chiesa, si discosta dalla povertà. Il clericalismo è ricco. E se non è ricco di denaro, lo è di superbia. Ma è ricco: c’è un attaccamento al possesso. Non si lascia generare dalla madre povertà, non si lascia custodire dal muro povertà".

Il concetto viene ripetuto anche successivamente, in un altro passaggio. "Il clericalismo è una delle forme di ricchezza più gravi di cui al giorno d’oggi si soffre nella Chiesa. Almeno, in alcuni luoghi della Chiesa. Perfino nelle esperienze più quotidiane. La Chiesa povera per i poveri è quella del Vangelo, quella del Discorso della montagna del Vangelo di Matteo e quella del Discorso della pianura del Vangelo di Luca, come pure il protocollo secondo cui verremo giudicati: Matteo 25. Credo che su questo il Vangelo sia chiarissimo, e bisogna andare in quella direzione. Ma insisterei anche sul fatto che sarebbe bello se la Compagnia potesse aiutare ad approfondire la visione di Ignazio sulla povertà, perché credo sia una visione per tutta la Chiesa. Qualcosa che può aiutarci tutti".Il denaro definito più volte in passato da Francesco lo sterco del demonio è la fonte di tanti grattacapi. "Quanti scandali, di cui purtroppo devo essere informato, dato il luogo in cui mi trovo, nascono dal denaro”. La sua speranza, ha aggiunto nel colloquio con i gesuiti, è che possa farsi strada la visione di S.Ignazio, secondo il quale la povertà è "madre e muro", in buona sostanza "genera vita spirituale e vita di santità ", ed è muro perché "difende dal rischio di commettere reati legati all’uso distorto del denaro. Quanti disastri ecclesiali sono cominciati per mancanza di povertà: anche fuori dalla Compagnia, mi riferisco a tutta la Chiesa in generale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA